menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Basta molestie e violenza nei luoghi di lavoro, intesa sindacati-associazioni cooperative

I temi chiave del documento di Cgil, Cisl, Uil, Agci, Confcooperative e Legacoop sono il “rispetto della diversità” e il contrasto a qualunque forma di discriminazione, di molestia e di violenza perpetrati nel luogo di lavoro

I sindacati confederali e le associazioni delle cooperative hanno siglato l’accordo interconfederale in tema di discriminazioni e per il contrasto delle molestie e delle violenze di genere nei luoghi di lavoro. L’intesa, a due giorni dalla giornata internazionale contro la violenza sulle donne, recepisce i principi di un protocollo analogo firmato a livello nazionale. I temi chiave del documento di Cgil, Cisl, Uil, Agci, Confcooperative e Legacoop sono il “rispetto della diversità” e il contrasto a qualunque forma di discriminazione, di molestia e di violenza perpetrati nel luogo di lavoro. Le parti si impegnano peraltro a definire entro il 31 luglio un programma di azioni per il raggiungimento delle finalità dell’accordo.

Per Mimma Argurio ed Elvira Morana (Cgil, Sebastiano Cappuccio e Rosanna La Placa (Cisl), Claudio Barone e Vilma Maria Costa (Uil) “l’accordo di oggi, assieme a quelli siglati di recente con Caronte& Tourist e Confabi sugli stessi argomenti, è un segnale importante in un momento critico come quello attuale che sta mettendo in forte stress l’occupazione, soprattutto quella femminile, con l’aumento di precarietà che può essere anche contesto di abusi e molestie e negazione di diritti”.

 Lia Nuccio, della Confcooperative e Silvana Strano dell’Agci,sottolineano la necessità di “mettere in campo il prima possibile le modalità operative”. Per Filippo Parrino, della Legacoop “occorre ragionare  insieme sugli strumenti da mettere in campo utili alla costruzione diuna consapevolezza diffusa rispetto alla gravità del fenomeno. Come Legacoop ci impegniamo quotidianamente a trasmettere i valori del
rispetto e della parità di genere”.

Tra le azioni che verranno promosse l’adozione di una dichiarazione da parte delle aziende che condanni discriminazioni e violenze con l’adozione di procedure e comportamenti  conseguenti; l’introduzione nei singoli contratti nazionali di lavoro di disposizione specifiche; l’adozione a livello regionale e territoriale di accordi, protocolli e interventi mirati al rispetto delle diversità e al contrasto delle molestie e delle violenze di genere nei luoghi di lavoro; la promozione di iniziative di formazione e di informazione  finalizzate alla prevenzione con l’utilizzo anche di risorse pubbliche e del fondo Foncoop.   Inoltre, iniziative assieme alla consigliera regionale e alle consigliere provinciali per le pari opportunità, finalizzate a creare consapevolezza sui temi in questione e a favorire buone prassi e la verifica di strumenti a supporto delle donne vittime di violenza”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento