Giovedì, 16 Settembre 2021
Cronaca

Violenza all’ospedale Villa Sofia, familiari di un paziente aggrediscono guardie giurate

Intervento della polizia nell'area del pronto soccorso. Due uomini avrebbero preteso di entrare per portare vestiti ed effetti personali a un loro caro. Entrambe le guardie giurate sono state medicate e dimesse con 15 giorni di prognosi ciascuno

Volanti di polizia a Villa Sofia

Avrebbero preteso di entrare al pronto soccorso, in barba a tutte le regole disposte per frenare l’avanzata del Coronavirus, per portare un cambio e altri oggetti personali a un loro caro che era stato affidato dalle cure dei medici. Quando le guardie giurate hanno detto loro che avrebbero dovuto lasciare i sacchetti a un’infermiera, i due avrebbero reagito prima insultandole e poi colpendole con pugni e anche una testata. E’ accaduto intorno alle 21.30 di ieri a Villa Sofia, dove sono intervenute diverse volanti di polizia per riportare la calma.

Dopo essersi liberati delle guardie giurate i due uomini, di 40 e 43 anni, sarebbero riusciti ad entrare danneggiando una porta scorrevole che separa la sala d'attesa da quella d'emergenza. A quel punto sono arrivati gli agenti di polizia che hanno raccolto le dichiarazioni delle vittime e degli altri testimoni. Gli investigatori hanno informato l’Autorità giudiziaria che adesso dovrà stabilire come procedere nei confronti dei due aggressori. Rischiano una denuncia per lesioni, resistenza a pubblico ufficiale e interruzione di pubblico servizio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Violenza all’ospedale Villa Sofia, familiari di un paziente aggrediscono guardie giurate

PalermoToday è in caricamento