rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cronaca Via Liberta'

Villa Zito riapre le porte e si trasforma in pinacoteca

Nella storica dimora saranno fruibili al pubblico le opere più rappresentative della collezione pittorica della Fondazione Sicilia, oltre agli esemplari di maggiore rilievo della raccolta di opere grafiche

Villa Zito riapre le porte e si trasforma in una grande pinacoteca estesa su circa mille metri quadri di sale espositive, disposte su tre piani. L'inaugurazione è prevista sabato 20 giugno, alla presenza del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Nella storica dimora saranno fruibili al pubblico le opere più rappresentative della collezione pittorica della Fondazione Sicilia, oltre agli esemplari di maggiore rilievo della raccolta di opere grafiche.

Si tratta di pregevoli dipinti, realizzati dai primi del Seicento fino al Novecento, alcuni dei quali creati dai grandi maestri della storia dell'arte italiana. L'esposizione delle opere grafiche verte, invece, sul tema della cartografia. "Doniamo a Palermo e all'Italia intera un altro luogo dedicato all'arte e alla cultura", dice Giovanni Puglisi, presidente della Fondazione Sicilia, che precisa: "Con la riapertura di questo edificio completiamo il circuito degli spazi espositivi della Fondazione, un circuito che si è aperto con il restauro di Palazzo Branciforte, firmato da Gae Aulenti, e che oggi, a distanza di tre anni, si completa con quello di Villa Zito".

Le collezioni dei dipinti e delle opere grafiche sono frutto del recupero dei beni artistici dell'antico Banco di Sicilia, distribuiti nelle filiali italiane ed estere dell'istituto creditizio. A questi ne sono stati aggiunti altri, provenienti dal patrimonio della ex Cassa di Risparmio Vittorio Emanuele per le Province Siciliane. Si tratta, dunque, di un "forziere" di opere d'arte raccolto nel tempo dalle maggiori banche dell'Isola e irrobustito da successive donazioni private. Oggi questo forziere è reso fruibile in maniera organica e funzionale, attraverso l'impegno della Fondazione Sicilia, già Fondazione Banco di Sicilia. I lavori di restauro dell'intero complesso, coordinati dall'ingegnere Gaspare Francesco Ciaccio, direttore dei lavori, hanno avuto una durata effettiva di circa 18 mesi e sono costati cinque milioni di euro.

L'allestimento, curato dall'architetto Corrado Anselmi, ha tenuto conto delle necessità di mettere in risalto gli ambienti della villa, decorati in stile neoclassico, e di valorizzare il percorso museografico. Il nuovo ordinamento delle raccolte, basato sullo studio scientifico curato dal professor Fernando Mazzocca e coordinato da Antonella Purpura, propone di offrire - attraverso dieci sezioni - un excursus di circa quattro secoli di arte, dal Seicento al Novecento. E' stata, inoltre, realizzata una sala multimediale con tecnologie d'avanguardia, che potrà offrire un respiro anche all'arte contemporanea e dove verrà esposta una video installazione di Andrea Aquilanti, ispirata al paesaggio urbano di Palermo.

Villa Zito ospiterà anche gli uffici della Fondazione Culturale "Lauro Chiazzese", che oggi ha cambiato il nome in Fondazione "Lauro Chiazzese" per l'Arte e la Cultura. Una modifica di nome che rimarca il compito (che le è stato delegato dalla Fondazione Sicilia) di gestire e valorizzare i patrimoni artistici, archivistici e bibliotecari in generale, ed in particolare quelli conservati nella Villa, sia propri (la biblioteca e l'Archivio Storico del Monte di Pietà di Palermo) sia della Fondazione Sicilia, tra cui spiccano non soltanto le opere pittoriche e grafiche, ma anche l'Archivio Storico del Banco di Sicilia, testimonianza eccezionale del passato economico dell'Isola.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Villa Zito riapre le porte e si trasforma in pinacoteca

PalermoToday è in caricamento