Villa Sofia-Cervello, aumento casi Covid e vertenza precari: "Emergenza nell'emergenza"

La denuncia della Cgil ("Urgente la stabilizzazione, il contratto a molti scade a novembre") che segnala inoltre disparità di trattamento: pochi tamponi e minori tutele a chi ha contratti "deboli" 

“Si sta creando un'emergenza nell'emergenza: oltre all'aumento dei casi di Covid, il personale precario dell’Ospedale Villa Sofia- Cervello, che  ha contribuito senza sosta al buon funzionamento della struttura, in forte carenza di organico, si trova  in situazione critica: a molti dei  precari storici   scade il contratto a novembre e non sanno niente del loro futuro. Si tratta – spiegano Anna Maria Tirreno, segretario Cgil Palermo, Sergio Sortino, segretario aziendale Fp Cgil Palermo, Giuseppe Aiello, segretario generale Filcams Cgil Palermo e Andrea Gattuso, segretario generale Nidil Cgil Palermo  - di oltre 100 unità tra infermieri, psicologi, radiologi, operatori socio sanitari, tecnici di laboratorio, assistenti sociali, personale amministrativo.    

Vista la gravità del problema, che ha un impatto negativo a livello organizzativo per l'ospedale, e a livello economico e sociale per i lavoratori, e vista la possibilità di utilizzare le risorse provenienti da fondi nazionali e comunitari per il rafforzamento del sistema sanitario, chiediamo di condividere con urgenza percorsi che portino a una soluzione della vicenda e quindi alla stabilizzazione di personale che lavora con contratti precari in alcuni casi anche da oltre 8 anni”. A lanciare l'allarme per la sicurezza dei lavoratori dell'Ospedale Villa Sofia-Cervello e per il rischio che non vengano rinnovati i contratti a figure necessarie all'ospedale è  la Cgil Palermo, assieme alle sue categorie Filcams Cgil Palermo, Fp Cgil Palermo e Nidil Cgil Palermo, impegnate in questi giorni in assemblee con i lavoratori, dove si registra  lo stato di fibrillazione. 

In una nota congiunta la Cgil Palermo e le sue categorie della funzione pubblica, di commercio e servizi e dei lavoratori precari interviene per rappresentare la preoccupazione per  l'impatto che l'aumento di casi di Covid nella città di Palermo, passato  il periodo estivo, sta avendo sulla struttura ospedaliera pubblica. “Si stanno acuendo alcune criticità già viste nel periodo del lockdown, relative alla sicurezza dei lavoratori – precisano Tirreno, Sortino, Aiello e Gattuso  -. A Villa Sofia-Cervello insistono lavoratori di tutti i tipi: a tempo indeterminato, lavoratori precari, lavoratori di aziende private appaltatrici di servizi (come vigilanza, pulimento, sanificazione e manutenzione). Un mondo composito, di lavoratori che svolgono  negli stessi reparti compiti diversi ma di uguale importanza rispetto a quelli dei lavoratori diretti e con diverse molteplicità di contratti applicati, tempo determinato, indeterminato, co.co.co., ma senza pari diritti e retribuzioni, pur svolgendo anch'essi un ruolo pubblico”.

Cgil, Fp, Filcams e Nidil puntano anche il dito sulle disparità di trattamento tra lavoratori precari e diretti: i tamponi non vengono eseguiti a tutti allo stesso modo.  “La sicurezza,  nello stesso posto di lavoro,  sembrerebbe dipendere dal contratto di applicazione. Coloro che hanno contratti più deboli hanno una minore tutela dal punto di vista dei diritti e della sicurezza. Per cui, ad esempio – proseguono Tirreno, Gattuso, Aiello e  Sortino  -  i lavoratori di vigilanza, pulimento, sanificazione e manutenzione, sono sempre a stretto contatto con i reparti Covid, nonché con i pazienti, proprio per i compiti da loro svolti. Eppure non vengono considerati per l’effettuazione dei tamponi,  che sono la condizione primaria per garantire la sicurezza e la salute di tutti i lavoratori e non solo di quelli a tempo indeterminato (medici, infermieri, psicologi etc). Inoltre questi lavoratori non ricevono le giuste informazioni relative ai casi riscontrati di Covid nei reparti, non hanno spogliatoi e  sono costretti a portarsi a casa le loro divise, con tutti i relativi rischi”.

Per la stabilizzazione dei lavoratori, la Cgil indica altri percorsi possibili. “C’è anche lo strumento della Legge Madia, che all’art. 20 comma 2° prevede la possibilità di stabilizzare il 50 per cento  del personale precario che abbia prestato servizio almeno per tre anni nelle amministrazioni pubbliche – aggiungono Tirreno, Sortino, Aiello e Gattuso  -  Ma tutto questo è possibile se si interviene entro il 31 dicembre 2020. Come sindacato vogliamo difendere questi lavoratori, sia per garantire il rispetto della sicurezza e della salute nel loro lavoro, sia per arrivare a una composizione di questa 'vertenza precari'. E' inammissibile che un paese ricco come il nostro abbia tali discriminazioni. Il solo lavoro pubblico che vogliamo è quello stabile e a tempo indeterminato, perché solo così si garantiscono la qualità e la professionalità delle  pubbliche amministrazioni”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • Covid, Musumeci firma nuova ordinanza: bar e ristoranti aperti dalle 5 alle 18, ok ai negozi nei festivi

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

  • Scambio di morti per Covid all'obitorio del Civico, famiglia seppellisce la salma di un altro

Torna su
PalermoToday è in caricamento