Domenica, 13 Giugno 2021
Cronaca

Villa Santa Teresa, costi gonfiati: Corte dei conti condanna due manager

Lorenzo Iannì e Giancarlo Manenti dovranno risarcire l'agenzia dei beni confiscati: 8 milioni e 350 mila euro il primo, mentre il secondo 6 milioni e 471 mila euro. Entrambi sono già stati condannati in sede penale

Rimborsi gonfiati alla clinica Villa Santa Teresa di Bagheria, i giudici d’appello della Corte dei Conti hanno condannato Lorenzo Iannì e Giancarlo Manenti ad un maxi risarcimento nei confronti dell’agenzia dei beni confiscati. Il primo, ex coordinatore sanitario del distretto sanitario di Bagheria, dovrà pagare 8 milioni e 350 euro. Mentre il secondo, ex direttore dell'azienda sanitaria palermitana, 6 milioni e 471 mila euro. Entrambi sono già stati condannati in sede penale.

Il centro medico finì al centro di un'inchiesta su legami tra mafia e sanità che ha visto protagonista Michele Aiello, titolare della clinica e prestanome del boss Bernando Provenzano. Secondo quanto accertato dai giudici i due, che hanno le stesse responsabilità, hanno consentito, violando i loro doveri di controllo, il pagamento di tariffe gonfiate anche del 400 per cento alla clinica.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Villa Santa Teresa, costi gonfiati: Corte dei conti condanna due manager

PalermoToday è in caricamento