Cronaca Politeama / Piazza San Francesco di Paola

Villa Filippina, il titolare si arrende: "Io il più multato d'Italia, altri mettono musica fino all'alba..."

Dopo l'ultimo controllo dei vigili, piombati mentre una band si stava esibendo, Alessandro Martello getta la spugna: "Ci hanno pure chiesto la perizia di un agronomo per accertare che la musica non desse fastidio agli alberi..."

"Io mi arrendo". Comincia e finisce così il lungo sfogo di Alessandro Martello. Da anni gestisce Villa Filippina, in piazza San Francesco di Paola. Ora però dice basta. "Credo di avere in assoluto la percentuale di controlli più alta in Italia, con una media di due a settimana". Getta la spugna, Martello. A fare traboccare il vaso l'ultimo controllo dei vigili, che per accertare il superamento dei limiti sui decibel venerdì notte si sono appostati a casa di un residente con gli apparecchi fonometrici. Gli agenti del Nucleo operativo protezione ambiente della polizia municipale hanno sequestrato l’attrezzatura a un gruppo musicale che si stava esibendo e denunciato per disturbo della quiete pubblica il titolare del lounge bar interno alla struttura. A Villa Filippina, sede estiva del Teatro Biondo, in prima serata si svolgono spettacoli e manifestazioni teatrali, cui seguono intrattenimenti musicali organizzati da privati che - secondo quanto ribadito dalla polizia municipale - devono terminare entro la mezzanotte.

Così Martello si è arreso. "Una decina di giorni fa - si sfoga con un lungo post su Facebook - entra una squadra denominata "Cit interforze". Gli agenti mi contestano che lo spettacolo d'intrattenimento che c'era in quel momento doveva avere a corredo una perizia fonometrica. Perizia che mi appresto ad avere l'indomani (mille euro). Venerdì tornano i vigili e mi sequestrano l'impianto con una sanzione penale ed un paio di multe amministrative. Mi dicono che con la licenza che ho non posso mettere musica amplificata perché prevede il piccolo intrattenimento musicale e non uno spettacolo; ma in ogni caso non si può amplificare. Due sono le mie domande: qual è la differenza tra piccolo intrattenimento e spettacolo? E perché una settimana prima, dopo il controllo, non mi hanno contestato l'amplificazione, anzi mi hanno chiesto la perizia fonometrica? Ecco le due risposte: la differenza tra piccolo intrattenimento e spettacolo è che le persone non devono guardare il palchetto ma devono bere accompagnati dalla musica. Sul secondo quesito mi rispondono che sicuramente i loro colleghi avevano sbagliato. Ringrazio questa deliziosa amministrazione che vede tutte le attività svolte dopo le ore 20 come il male da debellare e ho un fortissimo senso di nausea. Come è sotto gli occhi di tutti esistono delle zone franche dove i locali posso mettere musica fino all'alba senza nessun tipo di controllo. Io mi arrendo".

Martello chiude con un post scriptum: "Quest'anno ho ospitato la stagione estiva del Biondo e tra le documentazioni richieste tra quelle deliranti ci hanno chiesto una perizia di un agronomo che la musica non desse fastidio agli alberi... rido e vomito. Io mi arrendo".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Villa Filippina, il titolare si arrende: "Io il più multato d'Italia, altri mettono musica fino all'alba..."

PalermoToday è in caricamento