Villa Di Napoli diventa un teatro

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Al via il laboratorio teatrale, nell'ambito del progetto "Memorie Sceniche", che quest'estate trasformerà Villa Di Napoli in un palcoscenico all'aperto. Sono stati selezionati fino a oggi, 12 aspiranti attori che a luglio saranno i protagonisti di uno spettacolo che si terrà all'interno dello storico giardino del monumento del quartiere Cuba-Calatafimi. Le lezioni di recitazione sono già partite e si tengono nei locali della PyKart in via Niccolò Paganini 4 e 6, il martedì dalle 17 alle 20. Le selezioni però, sono ancora aperte fino al 31 gennaio. E così chi vuole cimentarsi in questa avventura, può inviare la propria candidatura all'indirizzo di posta elettronica eventi@memoriesceniche.it. A condurre il laboratorio teatrale gratuito è l'artista Santi Cicardo.

"Il progetto è gratuito ed è aperto ai ragazzi dai 15 ai 18 anni. L'obiettivo è quello di avviarci piano piano all'arte del teatro e cercare di mettere un mattoncino al recupero e alla bellezza di Villa Di Napoli. Ho già qualche idea sul tema dello spettacolo, sicuramente riguarderà - spiega Santi Cicardo - l'ambiente e la storia araba del monumento. Il progetto inoltre, ha l'ambizione di avvicinare i giovani all'arte dell'attore, così da dare un aiuto a chi domani vorrà abbracciare questo lavoro sempre più difficile ma sempre affascinante".

Prosegue dunque, il progetto "Memorie Sceniche" che ha lo scopo di riqualificare il giardino di Villa Di Napoli. A occuparsi del piano di riqualificazione della storica area verde, sono le associazioni, Cerism, People Help the People ed E.D.F Kronos Onlus in collaborazione con l'Università degli Studi di Palermo e la Soprintendenza ai Beni culturali. Il progetto "Memorie Sceniche", cofinanziato dalla presidenza del Consiglio dei ministri - dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale a valere sulla misura "Giovani per la valorizzazione dei beni pubblici", nasce per recuperare spazi pubblici non fruibili con la volontà di generare aree di aggregazione, di formazione, di informazione e di cultura. Il progetto ha già in parte restituito alla città Villa Di Napoli. La scorsa estate infatti, proprio all'interno del giardino si sono svolti degli appuntamenti culturali e dei concerti. Ma non solo. Grazie all'aiuto di alcuni studenti palermitani e stranieri è stato creato un orto didattico e una piccola area relax con tanto di arredi.

Torna su
PalermoToday è in caricamento