Alberi soffocati dal cemento in viale Francia, il Comune blocca rifacimento marciapede

L'intervento realizzato una ditta privata impegnata nei lavori del passante ferroviario. Sopralluogo del vicesindaco Fabio Giambrone e dell'assessore al Verde, Sergio Marino: "Abbiamo chiesto a Rfi di attivarsi affinchè l'impresa realizzi l'intervento in modo più consono"

Gli alberi "accerchiati" dal cemento in viale Francia

Cemento al posto della terra attorno ad alcuni alberi in viale Francia. Ad accorgersi di quanto fatto, durante il rifacimento di un marciapiede da parte di una ditta privata impegnata nei lavori del passante ferroviario, sono stati i residenti che hanno allertato il Comune. Il vicesindaco Fabio Giambrone e l'assessore al Verde, Sergio Marino, sono intervenuti con un sopralluogo e hanno disposto lo stop dei lavori.

"Su segnalazione di alcuni residenti - spiegano Giambrone e Marino - siamo intervenuti oggi per verificare quanto denunciato circa un discutibile intervento di rifacimento del marciapiede da parte di una ditta privata impegnata nei lavori del passante ferroviario in viale Francia. Abbiamo purtroppo riscontrato un metodo di esecuzione particolarmente invasivo e inaccettabile per lo sviluppo degli alberi. Abbiamo quindi disposto che i lavori siano immediatamente sospesi, chiedendo a Rfi di attivarsi affinchè l'impresa realizzi l'intervento in modo più consono, con adeguati spazi per a crescita delle piante".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Nuovo Dpcm "spacca weekend" e spostamenti vietati: si cambia colore tra sabato e domenica?

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore: la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Coronavirus, Musumeci chiede la zona rossa a Conte: "Altrimenti firmo io l'ordinanza"

  • Nuovo Dpcm: Governo conferma l'ipotesi dello stop all'asporto per i bar dopo le 18

  • La quindicenne costretta a prostituirsi: "Mi davano anche 150 euro a rapporto, ero un oggetto"

Torna su
PalermoToday è in caricamento