Gli cancellano i voli, palermitano in Polonia reagisce a pedalate: "Tornerò a casa in bici"

Pietro Terranova, 25 anni, studente palermitano di ingegneria meccanica che ha trascorso qualche mese a Lublino per il progetto Erasmus, racconta la sua folle sfida a PalermoToday: "Ho portato con me biancheria, tre pantaloncini, tre magliette e l’impermeabile per proteggermi dalla pioggia"

L’idea è nata un po’ per scherzo, quasi come una provocazione, ma anche come una "sfida" nei confronti di se stesso e dei propri limiti. Così Pietro Terranova, 25 anni, alla notizia della cancellazione di alcuni voli che lo avrebbero potuto riportare dalla Polonia a Palermo, ha comprato una bici e iniziato una pedalata che nel giro di qualche settimana, dopo oltre 2.500 chilometri, lo riporterà a casa. E’ l’impresa di uno studente palermitano di ingegneria meccanica che ha trascorso qualche mese a Lublino per il progetto Erasmus. “Dopo la quarantena - dice a PalermoToday - ho deciso di fare un viaggio alla scoperta del territorio, perché spesso ci si concentra poco o niente sul percorso e troppo sulla meta”.

Il futuro ingegnere racconta di non avere alcuna esperienza con il ciclismo ma di amare lo sport, in particolare corsa e nuoto, tanto da aver fatto anche qualche gara con il Centro universitario sportivo dell’università. “Ho iniziato affittando le bici con il bike sharing in Polonia. Poi - aggiunge - ho deciso di fare questo viaggio in bici e ho comprato una Cannondale con forcella in carbonio e telaio in alluminio che pesa circa 9 chili. Ho spedito la maggior parte delle cose e viaggio leggero. Ho portato con me biancheria, tre pantaloncini, tre magliette e l’impermeabile per proteggermi dalla pioggia. Da Lublilno sono arrivato a Cracovia”. Le prossime tappe, che i più curiosi potranno seguire man mano sulle sue “storie” Instagram, saranno Repubblica Ceca e Austria.

Pietro Terranova Polonia Palermo 2-3

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Vado decidendo di giorno in giorno e mi alzo alle 4 per proseguire il viaggio. La sera preparo l’itinerario per l’indomani, calcolando una media quotidiana di circa 120-150 chilometri, anche per capire dove prenotare una stanza in hotel o in appartamento. Poso la bici, vado al supermercato a comprare qualcosa e poi in camera. Lunedì vorrei arrivare a Vienna, poi ci sarà il primo bivio: Slovenia o Croazia. Una volta arrivato a Zara prenderò il traghetto che mi porterà ad Ancona e anche li avrò due opzioni: costa adriatica o costa tirrenica. Sono partito da due giorni ma cerco di alzare sempre il ritmo. Di tanto in tanto mi fermo, improvviso un riposo su un tappetino che ho con me e mangio qualcosa che mi dia energia, come una banana o altro”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Palermo, ragazza di 27 anni muore dopo avere mangiato gamberi

  • La corsa in ospedale e la disperazione, bambino di 3 mesi muore al Di Cristina

  • Tragedia a Isola, accusa un malore mentre esce dall'acqua e muore in spiaggia

  • Maltempo in arrivo: temporali e rischio grandine, scatta l'allerta meteo

  • Suicidio in via Guido Cavalcanti, commerciante di 62 anni si toglie la vita

  • "Ho ucciso io quella donna cinque anni fa: le ho stretto una corda al collo per sei minuti"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento