Cronaca Tribunali-Castellammare / Via Orologio

Cibo mal conservato, sequestrati 100 chili di alimenti in via Orologio

Tre i locali finiti nel mirino della polizia municipale. Riscontrate diverse irregolarità: prodotti ittici e carni congelati artigianalmente, tra sporcizia e ghiaccio. Sigilli anche in cinque cantieri per abusivismo edilizio

Uno dei locali di via Orologio

Proseguono i controlli in ristoranti ed esercizi commerciali. Il nucleo antifrodi della polizia municipale, nell’ambito dei controlli predisposti sulla sicurezza alimentare e sulla frode in commercio, ha sequestrato 95 chili di alimenti in cattive condizioni igieniche a tre attività di ristorazione di via Orologio. Sequestrati anche alcuni impianti utilizzati per la conservazione e la cottura dei cibi e multati i proprietari per occupazione di suolo pubblico.

Nel locale “Da Bacco” di G.P. di  56 anni, sono stati sequestrati due frigo congelatori contenenti carni, pesci e verdure, in cattive condizioni igieniche sanitarie, per un totale di circa 65 chili. I prodotti ittici e le carni erano congelati artigianalmente, posti in maniera sfusa all’interno di sacchetti di plastica, a diretto contatto con le pareti dei congelatori, con sporcizia diffusa e ricoperti da uno spesso strato di ghiaccio. "Nel menù posto all'esterno non veniva fatta menzione dell’utilizzo di prodotti congelati che venivano quindi spacciati per freschi, carpendo la buona fede dei clienti e perpetrando quindi una frode in commercio", si legge in una nota della polizia municipale. A ciò si aggiungono i trentasei metri quadrati di suolo pubblico occupati senza la prescritta autorizzazione. Oltre al sequestro dei due frigoriferi, è stata inoltrata segnalazione all’autorità giudiziaria per frode in commercio e la sanzione amministrativa di 168 euro.

In una panineria della stessa via, al civico 26, sono stati rinvenuti pesci e tagli di carne, esposti all’esterno del locale, in evidente cattivo stato di conservazione, esposti su tavoli privi di protezione dagli agenti atmosferici. Si è quindi proceduto al sequestro di circa 10 chili di merce e degli strumenti utilizzati per la cottura. E' stata inoltre accertata l’occupazione senza autorizzazione di circa 20 metri quadrati di suolo pubblico con tavoli e sedie, per cui la titolare M.A. di 31 anni, è stata denunciata all’autorità giudiziaria per occupazione di suolo pubblico con sanzione di 168 euro.

Totalmente abusiva è stata invece riscontrata l’attività di ristorazione al civico 34 di via Orologio. Anche in questo caso, gli agenti del Naf, hanno trovato carni e pesci esposti sui tavoli econservati a temperatura ambiente, alla mercè degli agenti atmosferici e degli insetti. Gli alimenti venivano cotti per strada, su una bistecchiera alimentata con gas propano liquido. Anche in questo caso è stata riscontrata l'occupazione abusiva di circa 32 metri quadrati di suolo pubblico. Al titolare R.D.R. di 52 anni, è stata elevata una sanzione di 8.000 euro ed un ulteriore sanzione perché privo di autorizzazioni amministrative e di altri 168 euro per occupazione di suolo pubblico. Inoltre sono stati sequestrati 20 chili di alimenti perché in condizioni igienico-sanitarie precarie, nonché la bistecchiera.

ABUSIVISMO EDILIZIO - La Polizia Municipale ha eseguito cinque sequestri, tre per abusivismo edilizio e due per violazione dei sigilli ed ha denunciato 5 persone all’autorità giudiziaria, per mancato possesso delle concessioni edilizie e dei necessari nulla osta. I sequestri sono stati fatti in via Sambucia, via Friscalettari, via Erice, corso dei Mille ed in via Aquino. Nei primi tre casi mancavano le concessioni edilizie ed i nulla osta del Genio civile. Negli altri due casi, i cantieri erano stati chiusi rispettivamente nel 2007 e nel 2011. "E' davvero incredibile che dopo le tragedie e i lutti che hanno colpito la nostra città per la realizzazione di opere abusive - ha detto il Sindaco Leoluca Orlando -  ci sia ancora chi, in spregio della legge e del buon senso, continua a realizzare opere abusive e soprelevazioni". "L'opera di controllo operata dalla polizia municipale - sottolinea invece il comandante del corpo della polizia municipale Vincenzo Messina - continua senza sosta, ma ancora una volta torniamo a chiedere la collaborazione dei cittadini perché segnalino gli abusi e si facciano parte attiva per il controllo del territorio".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cibo mal conservato, sequestrati 100 chili di alimenti in via Orologio

PalermoToday è in caricamento