menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Via Oreto, sequestrati 33 mila articoli contraffatti: dagli "arancinotti" ai prodotti "Dr Scholl"

Nel locale, tra polvere e scarafaggi, è stata trovata una vera e propria postazione di lavoro per l'assemblaggio degli oggetti. I controlli sono scattati dopo il sequestro di stampi contraffatti per arancine durante il "Palermo Food Fest"

In via Oreto c'era una vera e propria fabbrica di prodotti contraffatti. I responsabili si erano specializzati nella riproduzione di oggetti con il marchio "Dr Scholl". E' la scoperta fatta dalla guardia di finanza, che ha sequestrato 33 mila articoli e denunciato una donna di nazionalità cinese. (GUARDA IL VIDEO)

I controlli sono scattati dopo il sequestro di stampi contraffatti per preparare le arancine durante il "Palermo Food Fest". Durante la manifestazione che si è svolta presso la Fiera del Mediterraneo, le fiamme gialle avevano individuato un palermitano intento a vendere stampi brevettati, gli “Arancinotti”, da utilizzare proprio per preparare le arancine. Dopo il sequestro di oltre 400 pezzi, i finanzieri hanno proseguito nelle indagini per risalire agli anelli superiori della catena. Sono così giunti a individuare un locale in via Oreto nel quale, oltre a trovare altri esemplari di “Arancinotti”, hanno trovato oltre 33.000 prodotti con marchio contraffatto, tra cui accessori elettronici e numerosissimi articoli “Dr. Scholl”, specializzato in prodotti per la cura dei piedi.

In particolare, è stato scoperto che il luogo non era adibito solo a magazzino, ma la proprietaria aveva creato un punto di assemblaggio dei vari componenti per arrivare a produrre l’articolo contraffatto da porre poi in vendita. Nel locale c'era una postazione di lavoro ad hoc costituita da un tavolino munito di ventilatore, numerosi scatoloni stracolmi di pezzi e collanti, spillatrici, pistole silicone, forbici, cacciaviti, fogli adesivi e plastiche sagomate. "Tutto materiale - spiegano i baschi verdi - da utilizzare per il montaggio e per il successivo confezionamento di plantari, solette, sottopiedi e kit per la cura dei piedi".

Peraltro il locale era in condizioni assolutamente fatiscenti e insalubri, fra polvere e scarafaggi, così da rendere ancora più pericolosi i prodotti destinati alla cura del corpo. I prodotti e i materiali sono stati sequestrati e la proprietaria del magazzino, una cinese
titolare di partita iiva, è stata denunciata alla Procura. Parallelamente, i finanzieri stanno svolgendo accertamenti fiscali sull’imprenditrice,
che non risulta aver presentato nel tempo alcuna dichiarazione tributaria, pur avendo la sua attività prodotto notevoli flussi di denaro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento