menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Saccheggiano una pompa di benzina Due fermati alla rotonda di via Oreto

Sono stati sorpresi dai carabinieri all'interno di un distributore Agip posto sotto sequestro. I due erano intenti a tranciare dei cavi telefonici. Hanno tentato la fuga ma sono stati raggiunti dai militari e arrestati

Due giovani ieri sera sono stati sorpresi a saccheggiare un distributore di benzina all’altezza della rotonda di via Oreto. I carabinieri hanno notato all’interno del piazzale del distributore Agip, un’autovettura ferma a pochi metri dalle colonnine di benzina.

Fin qui nulla di strano, se non fosse che il distributore e l’intera area sottoposti a sequestro penale. Quindi i militari si sono insospettiti decidendo di controllare il mezzo. Raggiunta l’autovettura, un’Opel Corsa, hanno sentito dei rumori provenire dal retro del distributore. Avvicinatisi lentamente, hanno visto due persone, una delle quali con una tenaglia in mano, impegnate a tranciare dei cavi telefonici ed il cavo portante in acciaio della Telecom. I due accortisi dei carabinieri, hanno tentato di allontanarsi ma senza riuscirci, venendo bloccati ed identificati in L.C., 28enne pregiudicato e C.G.G., 18enne. L.C.-2

Dopo aver recuperato la tenaglia utilizzata per tranciare i cavi, è stata perquisita l’autovettura, rinvenendo vario materiale tra cui scaffali in metallo, alcune soglie in marmo ed una borsa contenente diversi attrezzi da scasso tra cui: pinze, cacciaviti, tronchesi e un palanchino in ferro. A poca distanza dall’autovettura sono stati rinvenuti, poggiati a terra e già pronte per essere portati via: sei pistole erogatrici di carburante ed alcuni cavi elettrici asportati dalle colonnine.

Accompagnati in caserma hanno ammesso le loro responsabilità, confessando inoltre di aver trafugato i cinque 5 pianali in metallo e quanto rinvenuto dentro l’autovettura, venendo dichiarati in arresto per furto aggravato in concorso. Su disposizione dell’Autorità Giudiziaria sono stati tradotti all’Ucciardone.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento