Cronaca Zisa

Zisa, trovata un'auto con dentro un cadavere carbonizzato: è un suicidio

I vigili del fuoco sono intervenuti per la segnalazione di una vettura in fiamme in via Nina Siciliana ma, una volta domato il rogo, hanno ritrovato il corpo. La vittima è un 32enne: i familiari ne avevano denunciato la scomparsa

Macabra scoperta stamattina alla Zisa. I vigili del fuoco sono intervenuti per la segnalazione di un'auto in fiamme nel posteggio di via Nina Siciliana ma, una volta domato il rogo, hanno ritrovato un cadavere di un 32enne ormai carbonizzato all'interno. Si è trattato di un suicidio. (GUARDA IL VIDEO)

La vettura, una Volkswagen Golf, è stata completamente avvolta dalle fiamme. Il corpo era riverso sul sedile posteriore. Sul posto la polizia e il medico legale. Subito sono scattate le indagini. Accanto al mezzo è stato ritrovato un accendino, fatto che ha lasciato pochi dubbi sulla natura dolosa dell'incendio. Poi la svolta. Alla polizia è arrivata la chiamata di un uomo, che ha raccontato agli investigatori di aver ricevuto una telefonata dal fratello intorno alle 4,30. La vittima avrebbe detto che non ce la faceva più a vivere e che si sarebbe ucciso.

Secondo una prima ricostruzione l'uomo avrebbe trovato l'auto che era stata lasciata in panne ieri sera da una donna, sarebbe quindi entrato e si sarebbe dato fuoco. Alle 5 sono arrivati i vigili del fuoco che hanno spento le fiamme. La donna proprietaria della vettura è totalmente estranea ai fatti: ha trascorso la notte alla clinica Villa Serena per assistere la figlia che da poco aveva partorito.

La vittima invece si era allontanata dalla sua abitazione che si trova proprio di fronte al parcheggio di via Nina Siciliana. I familiari avevano denunciato la sua scomparsa. Il fratello ha riconosciuto l'accendino trovato fuori dall'auto e la madre una boccetta di psicofarmaci usata dal figlio.

 

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zisa, trovata un'auto con dentro un cadavere carbonizzato: è un suicidio

PalermoToday è in caricamento