Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca Tribunali-Castellammare / Via Napoli

Trentenne aggredito dal "branco" in pieno centro: arrestato pregiudicato

I fatti risalgono al 18 maggio scorso, quando cinque giovani si sono scagliati contro un gruppo di ragazzi. Prima il furto delle chiavi, poi i calci, i pugni e la rapina

La polizia ha dato un volto a uno dei malviventi che, nella notte del 18 maggio scorso, hanno picchiato un ragazzo di 30 anni "colpevole" di avere reagito al furto delle chiavi della propria auto. Gli agenti del commissariato Oreto-Stazione hanno arrestato Giuseppe Agusta, pregiudicato di 26 anni.

Secondo la ricostruzione della polizia il "branco" è entrato in azione a notte fonda, in 5 hanno avvicinato tre trentenni che stavano per salire in auto per tornare a casa. Uno dei malviventi è riuscito a introdursi nell’abitacolo e a sottrarre la chiave già inserita nel blocco accensione per poi allontanarsi insieme ai complici. Quello che era sembrato un comportamento provocatorio, si è rivelato l'inizio di una violenta rapina. Il proprietario della vettura ha inseguito i cinque reclamando a gran voce la restituzione. La risposta è stata immediata e violenta: i cinque si sono avventati sul ragazzo e mentre alcuni di loro lo immobilizzavano, altri gli hanno sottratto dalle tasche il telefono cellulare e il portafogli. Uno dei malviventi ha poi infierito con calci e pugni. Gli aggressori sono quindi fuggiti, restituendo la chiave della vettura ma lasciando tramortita la vittima.

Il malcapitato è stato soccorso dagli amici e ha allertato la polizia. Fondamentale la descrizione degli aggressori fornita dalle vittime e il riconoscimento della foto segnaletica. Le indagini proseguono per rintracciare i complici dell'arrestato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trentenne aggredito dal "branco" in pieno centro: arrestato pregiudicato

PalermoToday è in caricamento