rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cronaca Ciaculli / Via Messina Montagne

Via Messina Montagne, baracche giù Nuove case per undici famiglie

Per coloro che risiedevano nei container, tristemente noti per le loro condizioni precarie, è arrivato il più bel regalo di Natale: un alloggio in un bene confiscato alla mafia. L'assessore Tamajo: "E non ci fermiamo qui"

Sgomberata la baraccopoli di via Messina Montagne. Per le 11 famiglie che risiedevano nei container, tristemente noti per le loro condizioni precarie,  l’incubo è finalmente terminato. Oggi, infatti, è stato predisposto il trasferimento definitivo in appartamenti confiscati alla mafia. Un regalo di Natale, forse inaspettato, ma che, indiscutibilmente avrà fatto sorridere piccoli e grandi: tutti hanno fatto i conti con freddo, muffa, fogne a cielo aperto e perfino insetti, topi negli spazi dove giocavano i bambini.

“Abbiamo risolto un grande problema – ha dichiarato l’assessore comunale agli Impianti abitativi Aristide Tamajo -. Il sindaco Diego Cammarata ha sbloccato questa situazione. Adesso però non dobbiamo né vogliamo fermarci. E’ necessaria un’accelerazione anche sul resto”.

Il riferimento è agli altri immobili confiscati alla mafia che dovrebbero diventare alloggi per gli aventi diritto iscritti in graduatoria. La lista è lunga: sono circa 900 le famiglie che hanno i requisiti e rientrano in quel piano di emergenza abitativa che stando alle parole dell’assessore Tamajo “sarà la priorità delle priorità dell’amministrazione”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Messina Montagne, baracche giù Nuove case per undici famiglie

PalermoToday è in caricamento