Via Meli pedonale, il sogno dei commercianti: "Trasformiamola in un centro commerciale naturale"

Dodici fra artigiani, gestori di locali notturni e spazi espositivi che sulla strada del quartiere degli argentieri e orafi hanno la propria attività hanno firmato un documento congiunto che è stato spedito all'assessore Giusto Catania

Se la Giunta comunale va spedita nell’individuare le prossime aree da pedonalizzare allo stesso modo i commercianti si organizzano, chiedono spazi e maggiore attenzione da parte dell’amministrazione. Nasce così il comitato per il centro commerciale naturale del “Quartiere degli argentieri e orafi": in vista della prossima chiusura al traffico della via Giovanni Meli i commercianti si aggregano e presentano un progetto di rilancio dell’area. Una richiesta che nasce quindi dal basso, dagli operatori del territorio che chiedono investimenti e maggiori certezze di sviluppo commerciale.

Il "Quadrilatero di Sant’Eligio" è uno dei più significativi e storici quartieri artigiani del centro di Palermo. Conosciuto pure come il “Quartiere degli argentieri e degli orafi” è un reticolo di viuzze che da piazza San Domenico scende fino alla Cala. Ha una lunga storia che si lega con quella dell’artigianato artistico palermitano di cui oggi rimangono pochi laboratori ma diversi sono i punti vendita e molti i locali di ritrovo che ormai affollano quest’area.

Dodici, fra artigiani, commercianti di gioielli, gestori di locali notturni e spazi espositivi, che su via Meli hanno la propria attività, hanno firmato un documento congiunto in cui si definisce il progetto di "Centro commerciale naturale" che mira a sviluppare commercialmente il quartiere, limitare la circolazione e il posteggio delle auto e allo stesso tempo abbellire il tratto stradale con fioriere e panchine e porre segnaletica didattica multilingue utile a far riscoprire la storia del quartiere.

Via Giovanni Meli, spesso trascurata, rappresenta invece un importantissimo collegamento, battuto costantemente da turisti e croceristi, che si recano giù al porticciolo de La Cala dopo aver passeggiato su via Roma. Un via-vai di turisti che potrebbe tornare utile per rilanciare il quartiere e le tante botteghe storiche che vi insistono. Il documento con una disamina delle criticità da affrontare e con un elenco di proposte sviluppate dai sottoscrittori è stato inviato all’assessore all’urbanistica Giusto Catania e per mezzo del vice-presidente della 1° Circoscrizione Antonio Nicolao al vicesindaco Fabio Giambrone. 

Proprio il consigliere Nicolao questa mattina ha guidato una delegazione di tecnici dell’ufficio decoro urbano e mobilità assieme ad un rappresentante della Coime. Il sopralluogo, chiesto e disposto dal vicesindaco Giambrone, mira a dare esecuzione alla delibera numero 1340 del 2018 rimasta attuata a metà e che prevede la semipedonalizzazione della via Giovanni Meli con l’installazione dei dissuasori per il parcheggio sul lato destro della carreggiata allo scopo di  creare un corridoio per cittadini e turisti che vi transitano. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Molti i residenti e i commercianti che chiedono misure restrittive del traffico utili a rendere più vivibile l’area e a permettere il suo rilancio accogliendo turisti e quanto si recano a La Cala da via Roma. Il documento, rimane all’attenzione del vicesindaco e dell’assessore Catania cui i cittadini chiedono di esprimersi al riguardo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

  • Coronavirus, in Sicilia morti altri tre anziani: 75 i nuovi contagi, più della metà a Palermo

  • "Cocktail in mano e mascherine al gomito": due pub chiusi per violazione norme anti Covid

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento