menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mansarda del centro storico trasformata in market della droga, un arresto

La polizia è intervenuta in via Materassai. In manette un 31enne di origini francesi. Oltre a una piccola coltivazione di marijuana, sono stati trovati otto panetti di hashish e nove pacchetti colmi di eroina

Una mansarda del centro storico, in via Materassai, era stata trasformata in market della droga: con una coltivazione di marijuana e dosi di eroina e hashish conservate nelle varie stanze, perfino nel frigorifero. Lo ha scoperto la polizia, che ha arrestato Julien Arnaud Parra Torres 31enne nato in Francia ma residente a Palermo. Deve rispondere di produzione e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. E' scattata anche la denuncia in stato di libertà per il reato di furto di energia elettrica.

Gli agenti del commissariato "Oreto-Stazione" e dell’ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico sono intervenuti in via Materassai, dove era stata segnalata l'occupazione abusiva di un immobile. Giunti sul posto, gli agenti hanno verificato che non era in corso alcuna azione di quel tipo ma, vedendo il portone aperto, hanno effettuato un controllo. Dopo avere accertato che all’interno del palazzo non era stato occupato abusivamente alcun appartamento, gli agenti sono arrivati fino alla mansarda dello stabile. Ad aumentare i sospetti, il forte odore di marijuana che invadeva i locali. Aperta la porta i poliziotti hanno trovato un giovane che, alla loro vista, ha mostrato chiari segni di nervosismo. Sparse sul pavimento vi erano numerose piante di marijuana, mentre in un’altra stanza è stata scoperta una piantagione “indoor” completa di lampade alogene, ventilatori, estrattori, bidoncini di concime e fertilizzante.

Inevitabili le manette per il giovane. La perquisizione effettuata nel locale, con l’ausilio dei cani antidroga, ha consentito di scovare, nel freezer otto panetti di hashish. Altri nove involucri colmi di eroina sono stati trovati dagli agenti, nonostante anche i cani antidroga fossero stati ingannati e non avessero segnalato le dosi, in uno zaino nascosto all’interno di un mobiletto del bagno. Durante la perquisizione gli agenti hanno trovato anche un bilancino di precisione, tre coltelli con lame sporche di hashish, delle forbici da elettricista, un apparato radio portatile scanner, 2 telefonini cellulare e denaro contante per 345 euro.

La droga - 800 grammi di hashish, 200 di eroina e altrettanti di marijuana - è stata sequestrata. Nel corso dei controlli gli agenti hanno riscontrato, inoltre, l’assenza all’interno dell’appartamento del contatore per l’energia elettrica, nonostante vi fossero
alcuni elettrodomestici in funzione. E’stato sollecitato, pertanto l’intervento di verificatori Enel, i quali hanno constatato il furto di energia elettrica tramite un cavo bipolare bianco che prelevava energia direttamente da una cassettina di derivazione Enel, posta in strada e collegata a un interruttore generale all’interno della mansarda. Il 31enne francese si trova adesso al Pagliarelli.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento