Ricercato in Francia per violenza sessuale, si nascondeva a Palermo: arrestato

In manette un cittadino nigeriano, rintracciato in uno stabile nei pressi di via Marinuzzi. Sulla sua testa pendeva un mandato di arresto europeo dopo una condanna a sette anni di reclusione per violenza sessuale di gruppo e sequestro di persona

Un 21enne nigeriano, destinatario di un mandato di arresto europeo emesso dalla Francia dopo una condanna a sette anni di reclusione per violenza sessuale di gruppo e sequestro di persona, è stato arrestato dalla polizia a Palermo. Le manette sono scattate ieri, nel giorno della giornata internazionale per la lotta alla violenza di genere, ma è stato reso noto oggi.

La direzione centrale della polizia criminale-servizio per la cooperazione internazionale di polizia aveva comunicato alla Mobile di Palermo la possibilità che l'uomo si fosse rifugiato nel territorio palermitano.

Dagli accertamenti è emerso che E.O. - queste le sue iniziali - lo scorso ottobre si era allontanato da un centro di accoglienza del capoluogo siciliano trovando alloggio in un hotel vicino la stazione centrale. Il 21enne è stato trovato in uno stabile in via Marinuzzi, dove risiedono diversi suoi connazionali. All'arrivo della polizia, ha tentato di sottrarsi all’arresto, nascondendosi ma senza fortuna. Dopo le formalità di rito è stato condotto nel carcere Pagliarelli, in attesa del giudizio di convalida da parte del presidente della Corte d'Appello. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Nuovo Dpcm "spacca weekend" e spostamenti vietati: si cambia colore tra sabato e domenica?

  • Grida "mamma" e si accascia in cucina, morta bimba di 9 anni ad Acqua dei Corsari

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore: la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Coronavirus, Musumeci chiede la zona rossa a Conte: "Altrimenti firmo io l'ordinanza"

  • La quindicenne costretta a prostituirsi: "Mi davano anche 150 euro a rapporto, ero un oggetto"

Torna su
PalermoToday è in caricamento