Piazza Marina, nasce "Borgo Strafalè": frutto dell'impegno di artigiani e piccoli commercianti

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

A due passi dallo Steri, a ridosso di Piazza Marina, diverse abilità artigianali hanno dato vita al “Borgo Strafalè”, un interessante esperimento che mette insieme produzione e offerta di manufatti che scaturiscono da talenti e percorsi diversi, all’insegna di un’azione di rigenerazione urbana e rivitalizzazione degli spazi che riesuma la storia, il folklore e la tradizione proiettandoli dinamicamente in una dimensione sociale e culturale capace di determinare economia innovativa e benessere. Un’aggregazione spontanea che ha progressivamente preso consistenza coinvolgendo altresì la storica e pioniera Cioccolateria Lorenzo, prima attività sorta sulla via, ed estendendosi anche al ristorante Quid ubicato su piazza Marina. Salvatore Bivona, alla guida della Cidec cittadina, ha visitato gli esercizi commerciali e le realtà artigianali di via IV Aprile. "In qualità di presidente di un’associazione di categoria che tutela e valorizza il commercio e la creatività dei talenti locali, e da cittadino palermitano - dice Bivona - sono molto orgoglioso delle energie e dell’impegno profusi dai partecipanti al progetto Borgo Strafalé , e mi auguro che esso diventi un modello sociale e produttivo al quale possano ispirarsi operatori economici, artigiani e liberi professionisti. Sono entusiasta – aggiunge Bivona – del lavoro portato avanti da tutti gli attori del progetto: la maggior parte di essi sono donne, e ciò conferisce all’operazione un valore aggiunto che racconta la capacità femminile di reinterpretarsi e reinventarsi, mettendo a reddito la creatività e la manualità”.

Oltre alla valenza del progetto in termini produttivi, il presidente sottolinea anche l’aspetto, di certo non secondario, dell’abbellimento e della cura degli spazi, in un contesto urbano dimenticato malgrado la vicinanza alla Chiesa della Gancia, a Palazzo Steri e all’area portuale. “La Confederazione Italiana Esercenti Commercianti – assicura – sosterrà il progetto, anteprimista e innovativo, che indica la strada da seguire a tanti commercianti e artigiani coraggiosi e resilienti malgrado le restrizioni e i disagi imposti dall’emergenza sanitaria”. Nei prossimi giorni, il presidente consegnerà ai partecipanti e agli attori del progetto alcune targhe, nel segno di un primo riconoscimento formale per l’attività svolta. “Ringrazio tutti - conclude – in particolar modo Marco Amato, la cui partecipazione in qualità di direttore artistico rappresenta la spinta trainante affinché l’unitarietà del progetto stesso acquisti consapevolezza della valenza sociale, urbanistica e commerciale, oltre alla garanzia di un’adeguata comunicazione”.

Torna su
PalermoToday è in caricamento