Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca Borgo Nuovo / Via Erice

Sequestrata discarica gigantesca in via Erice: "220 chili di rifiuti pericolosi"

Due interventi del Nopa in punti opposti della città. Il primo a Borgo Nuovo, dove gli agenti hanno scoperto un'area totalmente invasa da amianto e sfabbricidi. Sequestrato poi un immobile abusivo all’interno dell'area della ex Chimica Arenella

Il Nopa, il Nucleo operativo polizia ambientale, in due distinte operazioni ha sequestrato una discarica abusiva in via Erice, a Borgo Nuovo, dove venivano stoccati circa 20 metri cubi di rifiuti speciali e circa 220 chili di rifiuti pericolosi ed  un immobile a due piani, all’interno dell’area dell’ex Chimica Arenella, soggetto a pericolo di crolli per le gravi  carenze strutturali ed  occupato abusivamente da una attività di carpenteria metallica. Due persone sono state denunciate all’autorità giudiziaria rispettivamente per gestione illecita di rifiuti speciali ed occupazione abusiva.

In via Erice, gli agenti del Nopa hanno individuato la discarica in un’area estesa circa 40.000 metri quadrati e stracolma di ogni genere di rifiuti, compresi rifiuti pericolosi per la salute pubblica, quali amianto e sfabbricidi.  Sono stati rinvenuti  circa 3 metri cubi di sfabbricidi, 4 metri cubi di rifiuti in plastica, legno e polistirolo espanso, 5 metri cubi di conci di tufo, 8 metri cubi  di sfabbricidi, 20 chili di lastre  in cemento-amianto, 100 chili  di onduline in plastica e circa 100 chili di guaina bituminosa dismessa da precedenti usi. Il gestore della discarica,  G.L. di 38 anni, è stato  denunciato all’autorità giudiziaria, per le violazioni ambientali relative alla gestione illecita di rifiuti speciali. 

L’altro sequestro è stato realizzato, all’interno dell'area della ex Chimica Arenella, ad un immobile a due piani di tipo industriale, pieno di rifiuti, a rischio di potenziali crolli ed occupato abusivamente da V.S. di 61 anni che lo utilizzava  come officina di carpenteria metallica. Oltre alla presenza di ingenti quantitativi di rifiuti speciali quali legno e materiale di risulta,  gli agenti del Nopa, insieme ai tecnici della Protezione Civile del Comune di Palermo, hanno riscontrato evidenti carenze nella struttura dell’immobile. Per scongiurare il pericolo di  crolli e per salvaguardare la pubblica incolumità sono state inoltrate le segnalazioni, agli uffici tecnici competenti per la messa in sicurezza e la bonifica dei luoghi ed all’autorità giudiziaria nei confronti del titolare della carpenteria. 

"Questi controlli della municipale - afferma il sindaco Leoluca Orlando - confermano la necessità, direi l'indispensabilità, di sempre maggiore attenzione verso pratiche non soltanto illegali ma anche pericolose per la salute e l'ambiente. Sono ancora tanti, purtroppo, i nostri concittadini che continuano a tenere comportamenti incivili verso i quali non mostriamo e non mostreremo alcuna comprensione."

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sequestrata discarica gigantesca in via Erice: "220 chili di rifiuti pericolosi"

PalermoToday è in caricamento