Sorpresi mentre scaricano sfabbricidi in strada, scattano 2 denunce e il sequestro dell'autocarro

Nei guai due dipendenti di una ditta di Bagheria. Gli agenti della polizia municipale li hanno bloccati in via dell'Antilope, dopo che i due avevano lasciato in strada grossi sacchi colmi di scarti di lavorazioni edili

Il mezzo sequestrato

Gli agenti della polizia municipale, nell'ambito delle operazioni volte al contrasto alla formazione di discariche e all’abbandono incondizionato di rifiuti speciali, hanno sequestrato in via dell’Antilope un autocarro con il relativo carico di sfabbricidi edili e ritirato la carta di circolazione del mezzo.

Una pattuglia del Nucleo tutela decoro e vivibilità urbana ha notato in via Placido Rizzotto un autocarro colmo di grossi sacchi. Considerato il forte rischio di abbandono di rifiuti, anche speciali, nella zona, lo hanno seguito fino a via dell’Antilope dove due uomini, scesi dal mezzo, hanno depositato i sacchi in prossimità dei cassonetti della raccolta dei rifiuti solidi urbani.

Gli agenti hanno identificato i due soggetti, dipendenti di un'impresa edile di Bagheria e, all'ispezione del cassone, hanno accertato che il materiale scaricato era costituito da scarti di lavorazioni edili e l'autocarro non era autorizzato al trasporto degli stessi.

L'autocarro e il relativo carico sono stati sequestrati e M. T. e G. D. S., rispettivamente di 29 e 44 anni, sono stati segnalati all'autorità giudiziaria. Saranno eseguiti accertamenti sulla ditta edile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Nuovo Dpcm "spacca weekend" e spostamenti vietati: si cambia colore tra sabato e domenica?

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore: la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Coronavirus, Musumeci chiede la zona rossa a Conte: "Altrimenti firmo io l'ordinanza"

  • Nuovo Dpcm: Governo conferma l'ipotesi dello stop all'asporto per i bar dopo le 18

  • La quindicenne costretta a prostituirsi: "Mi davano anche 150 euro a rapporto, ero un oggetto"

Torna su
PalermoToday è in caricamento