menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La rotonda tra via Leonardo da Vinci e via Castellana

La rotonda tra via Leonardo da Vinci e via Castellana

Via da Vinci, pietra schizza da decespugliatore: operaio colpisce camion in transito

Protagonista un lavoratore della Reset che stava utilizzando un "trimer" nella rotonda. Il sasso vagante è finito sul parabrezza. Figuccia: "I dipendenti operano in condizioni da terzo mondo, con attrezzature obsolete, turni massacranti e senza alcuna tutela"

“I lavoratori della Reset operano in condizioni da terzo mondo, con attrezzature obsolete, turni massacranti e senza alcuna tutela”. Lo afferma Angelo Figuccia, consigliere comunale di Forza Italia, che prosegue: “Gli operai sono costretti a lavorare in condizioni davvero precarie, senza abiti adeguati e con il rischio continuo pure di incappare in sanzioni penali, così come avvenuto stamane nella rotonda che collega via Leonardo da Vinci con via Castellana". 

Proprio qui un operaio, mentre utilizzava un “trimer”, una sorta di maxi decespugliatore, nonostante la rete di protezione ha colpito con una grossa pietra il parabrezza di un camion che transitava in quel momento. "Fortunatamente - dice Figuccia - soltanto tanta paura per l’operaio e per l’autista dell’automezzo che ha rischiato di perdere il controllo del camion e di finire fuori strada. Ma, se invece di un grosso mezzo fosse passato un motociclista e fosse avesse colpito in pieno? Insomma, una tragedia sfiorata d’un soffio".

"Ecco perché ogni giorno gli operai della Reset non possono contare soltanto sulla buona sorte o sulla protezione della “Santuzza”", chiude Figuccia -. E’ indispensabile che l’azienda provveda al più presto a mettere a disposizione dei propri dipendenti mezzi adeguati e attrezzature idonee a poter svolgere il proprio lavoro nella massima sicurezza e a tutela della propria ed altrui incolumità”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento