rotate-mobile
La rappresentazione / Partanna-Mondello

La Via Crucis di Partanna Mondello e il parallelo con la guerra: Calvario di Gesù come quello delle mamme ucraine

Nella chiesetta ex Onpi di via Pandora, in azione il gruppo artistico Giovanni Paolo II, della parrocchia di Maria Santissima Degli Angeli diretto dal regista Calogero Spina

Si è svolta stamattina la rappresentazione di Gesù davanti a Pilato, la Via Crucis e la crocifissione nella chiesetta ex Onpi di via Pandora a Partanna Mondello. In azione il gruppo artistico Giovanni Paolo II, della parrocchia di Maria Santissima Degli Angeli. Il regista della rappresentazione, Calogero Spina, ha dato vita a una rappresentazione estremamente commovente creando un paragone tra il Calvario di Gesù e quello delle mamme ucraine che hanno perso i propri figli ingiustamente come la Madonna.

"Pensiamo al dolore di Maria quando incontra suo figlio sulla via del Calvario flagellato, carico della pesante Croce che nemmeno può abbracciare perché gli è proibito dai soldati. Anche oggi tantissime madri ucraine e russe si vedono strappare i loro figli e non possono aiutarli o consolarli" , questa tra le frasi recitate durante la rappresentazione.

 "E' stato molto emozionante il messaggio di pace lanciato dal regista e dagli autori - ha commentato il consigliere dell'VII circoscrizione Ferdinando Cusimano - ci siamo sentiti trasportati in quell’epoca e abbiamo vissuto la sofferenza di Gesù e di quanti credevano in lui. La similitudine tra i momenti di caduta di Gesù e quelli vissuti dagli esseri umani in guerra - conclude - ci ha spinto a riflettere ancora di più sui tristi momenti che stanno vivendo in Ucraina".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Via Crucis di Partanna Mondello e il parallelo con la guerra: Calvario di Gesù come quello delle mamme ucraine

PalermoToday è in caricamento