menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mondello, scuola chiusa per "pericolo di morte": protestano i genitori della Borgese

I tecnici della Protezione civile hanno sistemato un cartello che parla di "possibile perdita di vite umane" e la preside ha chiuso il plesso obbligando gli alunni a frequentare le lezioni - con doppi turni - presso le altre sedi

I genitori degli alunni dell'istituto comprensivo Borgese sono scesi in strada per protestare contro i doppi turni decisi dalla direzione didattica. La preside ha infatti chiuso il plesso in via Cerere, tra Mondello e l'Addaura, dopo che il Comune ha piazzato i cartelli che indicano il "pericolo di morte" per crolli da Montepellegrino. "A causa del continuo 'rilascio' di massi, anche di notevoli dimensioni, provenienti dalle pendici del Monte Pellegrino - recita l'avviso comunale - quest'area è stata individuata come zona ad alto rischio dal piano per l'assetto idrogeologico. E' pertanto possibile la perdita di vite umane e gravi danni agli edifici e alle infrastrutture".

Parole che hanno messo in allarme i responsabili della scuola, i docenti, e le famiglie. Il plesso di via Cerere è frequentato da circa 400 alunni, suddivisi in 18 classi. Gli studenti sono stati dirottati in altri due istituti, il Santocanale di Partanna Mondello e nella sede centrale, che si trova a piazza Contardo Ferrini, ma le aule non sono abbastanza ed è necessario fare i doppi turni e ridurre l'orario. Domani alle 11 nella sede della settima circoscrizione, in cui ricade il quartiere della scuola Borgese, si svolgerà un incontro al quale è stato invitato anche il sindaco Leoluca Orlando.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento