Brancaccio, trasforma appartamento in laboratorio per produrre crack: arrestato

In manette un venticinquenne che ha scambiato dei poliziotti in borghese per potenziali clienti e ha offerto loro della droga. Nel corso della perquisizione, gli agenti hanno trovato le chiavi del laboratorio

La droga sequestrata

Scambia dei poliziotti in borghese per potenziali clienti e offre loro della droga. Una volta ammanettato e perquisito gli agenti trovano anche le chiavi del laboratorio dove produceva crack. Nei guai Salvatore Lo Bianco 25 anni. L'arresto è scattato nei giorni scorsi a Brancaccio, ma è stato reso noto solo oggi.

La polizia, allertata da diverse segnalazioni giunte su Youpol, ha monitorato via Brancaccio. Lo Bianco, che si trovava all’altezza del cortile Calabrese, ha scambiato i poliziotti per clienti e si è accostato al finestrino lato passeggero con il chiaro intento di proporre qualcosa. Quando i poliziotti si sono qualificati non ha tentato la fuga, al contrario ha consegnato spontaneamente un fazzolettino di stoffa, custodito all’interno dei pantaloni, contenente 17 dosi termosaldate di crack. Nel corso della perquisizione è stato trovato anche un mazzo di chiavi. Dalle indagini è emeso che aprivano la porta di un appartamento trasformato in laboratorio rudimentale per il confezionamento e la produzione di stupefacenti, principalmente crack. 

Nel corso della perquisizione, i poliziotti hanno sequestrato 2 involucri contenenti cocaina, per un peso complessivo di 18 grammi; 4 “pietre” e 4 dosi di crack per un peso complessivo di 19 grammi; un sacchetto in plastica contenente circa 250 grammi di infiorescenze di marijuana; due bilancini di precisione; una bottiglia di metadone; forbici, un cannello da idraulico utile a sciogliere la sostanza stupefacente, bicarbonato di sodio, nastro adesivo, spillatrice e infine un quaderno, una sorta di libro mastro in cui erano annotate cifre e pesi vari. La droga rinvenuta se avesse raggiunto le piazze dello spaccio, avrebbe potuto fruttare circa 8.000 euro. Lo Bianco, tratto in arresto per il reato di detenzione e produzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, al termine delle formalità di rito è stato condotto al Pagliarelli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lite dopo gli insulti alla moglie, sparatoria allo Zen: fermato un pregiudicato

  • Si cercano portalettere, Poste Italiane assume anche a Palermo

  • Allo Zen si torna a sparare, 48enne grave in ospedale

  • Centro Convenienza chiude e non consegna i mobili già pagati: "Clienti truffati"

  • Falliscono colpo in casa e si "imbucano" a veglia funebre per evitare i carabinieri, 2 arresti

  • Detenuto suicida in carcere, indagata per omicidio colposo la direttrice del Pagliarelli

Torna su
PalermoToday è in caricamento