Lunedì, 27 Settembre 2021
Cronaca

Fu vescovo a Palermo (nominato dal Papa), ora una suora lo accusa: "Mi ha violentata"

Protagonista della vicenda è Giovanni Salonia, frate cappuccino 71 anni, che nel febbraio 2017 venne nominato dal Pontefice vescovo ausiliare accanto a Lorefice, salvo poi rinunciare all'incarico due mesi dopo. La Procura ha aperto un fascicolo

Era stato indicato dal Papa come vescovo ausiliario a Palermo, accanto a Lorefice. Ora arriva la pesante accusa: avrebbe violentato una suora a Roma. Lui, l'accusato, non è un religioso qualunque. Si tratta infatti di Giovanni Salonia, frate cappuccino 71 anni, che nel febbraio 2017 venne nominato vescovo ausiliare di Palermo, salvo poi rinunciare all'incarico. La procura ha aperto un fascicolo, ha iscritto l'uomo per violenza sessuale e adesso si appresta a interrogarlo. La denuncia arriva direttamente dalla religiosa.

La vicenda è complicata e serve fare un passo indietro. Perché padre Salonia era stato il protagonista della stagione dei veleni della Chiesa palermitana. Un anno e mezzo fa aveva infatti deciso di rinunciare all’incarico di vescovo ausiliare a Palermo rimettendo tutto nelle mani dello stesso Santo Padre. Un incarico prestigioso nel capoluogo siciliano a cui rinunciò dopo un paio di mesi, nell'aprile 2017.

Sul frate cappuccino improvvisamente si erano addensate le nubi delle maldicenze, subito dopo che era circolata la notizia della sua nomina, anche sotto forma di lettere anonime con attacchi calunniosi. Alla fine ebbero la meglio le insinuazioni che spinsero Salonia a rinunciare all’incarico di vicario dell’arcidiocesi di Palermo attaverso una missiva indirizzata all’arcivescovo Lorefice. Il sacerdote decise di uscire da parte per non esporre il vertice della Chiesa palermitana a gravi imbarazzi. Nuove grane per l’arcivescovo Lorefice, che stava già affrontando la “ribellione” di don Alessandro Minutella, 

Docente universitario, padre Salonia è autore di numerosi libri. E' anche psicologo e psicoterapeuta. E proprio in occasione di un incontro con una sorella, in uno studio di Roma, sarebbe avvenuto l'abuso. Questo è quanto ha denunciato la suora. La donna, infatti, sostiene che Salonia l'abbia circuita. Ingannata fino ad "estorcerle" un rapporto sessuale. Il sacerdote avrebbe sfruttato la condizione di debolezza della donna che era in cura proprio perché stava attraversando un momento delicato della sua vita. Il religioso le avrebbe spiegato che i rapporti sessuali facevano parte dello stesso percorso terapeutico.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fu vescovo a Palermo (nominato dal Papa), ora una suora lo accusa: "Mi ha violentata"

PalermoToday è in caricamento