rotate-mobile
Giovedì, 13 Giugno 2024
Cronaca Malaspina / Via Leonardo da Vinci, 161

Vertenza Ast, scatta la protesta: "Quasi 800 lavoratori in bilico, il Governo ci convochi"

Sit in davanti all’assessorato regionale alle Infrastrutture e mobilità. I sindacati chiedono la ricapitalizzazione dell’azienda da parte della Regione

E’ in corso in via Leonardo da Vinci, davanti all’assessorato regionale alle Infrastrutture e mobilità, il sit in indetto dai sindacati di categoria di Cgil, Cisl, Uil, Ugl e Cisal per chiedere soluzioni per la vertenza Ast e protestare per l’esclusione dei rappresentanti dei lavoratori dal vertice che si terrà oggi stesso in assessorato con il management aziendale.

"E’ una vertenza che riguarda quasi 800 lavoratori e il futuro del trasporto pubblico nella nostra regione - dicono le parti sociali -. Urge, quindi, un tavolo di confronto che coinvolga tutti i soggetti interessati".

I sindacati chiedono la ricapitalizzazione dell’azienda da parte della Regione, socio unico, e un piano aziendale che disegni le sue prospettive che passano anche per il mantenimento delle tratte urbane, che Ast sta dismettendo. "Senza queste - è il parere dei sindacati - il futuro dell’azienda è incerto ed eventuali affidamenti dei Comuni ai privati non offrirebbero alcuna garanzia per i lavoratori".

E mentre era in corso la protesta una delegazione sindacale è stata ricevuta dal capo di gabinetto e dal segretario particolare dell’assessore ai trasporti. Per la Cgil hanno partecipato all’incontro il segretario generale della Filt regionale, Alessandro Grasso  e la componente della segreteria regionale confederale Angela Biondi. “L’accordo con i Comuni di cui ci è stato riferito, che consentirà il prosieguo delle tratte urbane - dicono Grasso e Biondi - è una notizia positiva. E' una  vertenza  complessa aggiungono -  che resta comunque ancora aperta. Abbiamo chiesto un tavolo con il presidente della regione e gli assessori al bilancio e ai trasporti per definire il percorso per il rilancio dell’Ast, che passa attraverso la ricapitalizzazione. Ci auguriamo - concludono Grasso e Biondi - che la data di insediamento del tavolo di confronto possa essere stabilita già lunedì prossimo quando è previsto un incontro sul tema delle infrastrutture tra l’assessore e i sindacati confederali”.

Articolo aggiornato alle ore 18.28 del 7 febbraio 2023 // Aggiunte dichiarazioni sindacati dopo l'incontro

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vertenza Ast, scatta la protesta: "Quasi 800 lavoratori in bilico, il Governo ci convochi"

PalermoToday è in caricamento