Venditori abusivi a Brancaccio e Romagnolo, sequestrate scarpe e 5 tonnellate di frutta

Tre gli ambulanti che si sono fatti trovare sprovvisti di autorizzazione alla vendita durante i controlli effettuati dalla polizia municipale e dai carabinieri. Per due di loro è scattata anche una multa di 309 euro ciascuno

Sequestrate oltre cinque tonnellate di frutta e 33 paia di scarpe a tre venditori abusivi a Brancaccio e Romagnolo. E' questo l'esito dei controlli svolti dalla polizia municipale e dai carabinieri della stazione di Brancaccio. 

Nel dettaglio le forze dell'ordine sono intervenute in via Pecoraino dove hanno scovato un trentatreenne che vendeva prodotti ortofrutticoli su strada senza avere l'autorizzazione: oltre al sequestro delle 5 tonnellate di frutta (esposta su una rastrelliera, sotto un ombrellone) per lui è scattata anche una multa di 309 euro. Sequestrata anche tutta l'attrezzatura.

L’altro sequestro è avvenuto in via Ferrari Orsi, all’angolo con via Giuseppe Puglisi, e ha riguardato un sessantatreenne venditore abusivo al quale, oltre alla sanzione di 309 euro, sono stati invece sequestrati 170 chili di frutta e ortaggi vari. In entrambi i casi, tutta la merce sequestrata, 5.170 chili, è stata devoluta ad istituti di accoglienza.

Infine, in via Messina Marine, all’angolo con via Diaz, è stato individuato un quarantaseienne che vendeva scarpe: 33 paia sono state sequestrate perché l’ambulante non aveva, anche in questo caso, alcuna autorizzazione alla vendita. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpo al clan dell'Arenella, 8 arresti: c'è anche il boss accusato della strage di via D'Amelio

  • La migliore arancina di Palermo? Simone Rugiati non ha dubbi: "E' quella di Sfrigola"

  • Giro di escort in pieno centro: facevano prostituire 10 palermitane, tre arresti

  • Mafia, la vedova Schifani sull'arresto del fratello: "Sono devastata, per me è morto ieri"

  • Sospetto caso di Coronavirus, mascherine e fuggi fuggi al pronto soccorso del Cervello

  • L'Arenella e lo Scotto da pagare: dallo "stigghiolaro" a Galati nella rete del racket

Torna su
PalermoToday è in caricamento