menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'Isola delle Femmine in vendita, 4 artiste e il sogno di salvarla: "Donne compriamola"

Per raccogliere la cifra necessaria per l'acquisto stanno per lanciare una campagna di crowdfunding attraverso l'associazione "Femminote": ogni finanziatrice dovrà investire solo 10 euro. L'obiettivo finale è tutelare la riserva e area protetta della Lipu

Quattro artiste sognano di comprare l'isolotto delle Femmine per salvare la riserva. Si chiamano Stefania Galegati, Valentina Greco, Claudia Gangemi e Marcela Caldas ed hanno un piano: raccogliere la cifra necessaria per l'acquisto attraverso una campagna di crowdfunding, lanciata dall'associazione “Fimminote” (le donne marinaie che commerciavano nello Stretto di Messina, protagoniste del romanzo "Horcynus Orca" di Stefano D'Arrigo) in via di costituzione: dovrebbe nascere entro la fine del mese.

Per fare andare in porto il piano serve un piccolissimo contributo, 10 euro l'uno, da parte di 350 mila finanziatrici. Il gioiello del Palermitano, di proprietà di quattro fratelli di una famiglia nobiliare discendente di Rosolino Pilo, è in vendita da circa due anni e mezzo. Il primo annuncio, pubblicato dall'agenzia immobiliare Romolini, risale al mese di ottobre 2017: prezzo richiesto tre milioni e 500 mila euro. Un anno dopo, non avendo ancora trovato un acquirente la cifra diventa flessibile, da un minimo di un milione ad un massimo di tre, e la trattativa riservata.

L'annuncio dell'agenzia Romolini

L’isolotto, che si estende per quasi 15 ettari, è classificato come riserva integrale per decreto della Regione Sicilia, nonché area marina protetta affidata fin dal 1998 in gestione alla Lipu, la Lega italiana protezione uccelli. Anche l’Unione Europea ha riconosciuto l’importanza del sito che è dunque stato classificato dapprima come Sic (Sito d’importanza comunitaria) e successivamente come Zsc (Zona speciale di conservazione). Sull'isola si erge anche una torre di guardia, costruita nel XVI secolo contro gli attacchi delle navi barbaresche, danneggiata dai bombardamenti della seconda guerra mondiale. 

Sarà possibile incontrare le artiste e donare una propria quota il 29 febbraio, alle 12, alla galleria Pantaleone (corso Vittorio Emanuele, 303) in occasione della mostra "She is-land" di Stefania Galegati dedicata proprio al progetto di acquisto di Isola delle Femmine. "Il progetto - spiega l'artista nella pagina Facebook che promuove la personale - è un gesto simbolico di resistenza e un’eterotopia. Permette di sognare e riflettere su temi come la gestione del bene comune e la proprietà privata, la tutela del territorio, il femminismo e le sue derive, l'apertura al fallimento e alla debolezza". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento