menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il punto vendita Prezzemolo&Vitale di via Principe di Villafranca

Il punto vendita Prezzemolo&Vitale di via Principe di Villafranca

Sospeso il verbale di Prezzemolo&Vitale, riapre il punto vendita di via Principe di Villafranca

Il giudice di pace ha deciso di bloccare temporaneamente l'efficacia della sanzione inflitta sabato dai vigili alla società perché aveva venduto alcolici dopo le 18, violando l'ordinanza del sindaco. La decisione di merito arriverà dopo il 23 giugno e sul caso dovrà esprimersi anche il Tar

Il punto vendita Prezzemolo&Vitale di via Principe di Villafranca può riaprire: il giudice di pace ha infatti deciso di sospendere il verbale col quale, sabato scorso, era stata disposta la chiusura per cinque giorni dell'attività perché aveva venduto alcolici dopo le 18, violando quindi una recente ordinanza del sindaco. Per il momento - è bene precisarlo - il giudice Angela Tantillo non è entrata nel merito della questione (cosa che farà a partire dal prossimo 23 giugno) e la sua decisione è dunque provvisoria.

Questo binario giudiziario corre parallelamente a quello amministrativo: Prezzemolo&Vitale, infatti, ancora prima di ricevere la sanzione dai vigili, aveva già deciso di ricorrere al Tar per impugnare l'ordinanza del sindaco. Un tema caldo quello del divieto di vendita di alcolci sin dalla prima fase della pandemia, quando erano stati adottati provvedimenti simili per supermercati, negozi di prossimità e distributori automatici, e si era aperta la stessa "faida" tra amministrazione comunale ed esercenti. Le decisioni dei giudici non state state poi sempre uniformi.

Il giudice di pace in questa fase ha accolto il ricorso presentato da Prezzemolo&Vitale che chiedeva appunto la sospensione dell'efficacia esecutiva del verbale. "È una notizia importante - commenta l'avvocato Alessandro Palmigiano, che rappresenta la società assieme ai colleghi Ornella Sarcuto e Lucio Savagnone - perché dimostra l'attenzione posta dall'ufficio del giudice di pace su un argomento molto delicato, visto che riguarda la vita di un'azienda seria e il lavoro di tante persone, messi a rischio non solo da un'ordinanza che non condividiamo, ma per la mera vendita di una bottiglia di vino a un cliente".

Un caso che ha fatto discutere, quello di Prezzemolo&Vitale e che è ben lontano dall'essere risolto. La società esprime comunque "la propria soddisfazione per la decisione del giudice e ringrazia per le attestazioni di solidarietà ricevute in questi giorni".

"Resta valido - commenta tramite una nota il sindaco Leoluca Orlando - il principio di precauzione dell'ordinanza per la tutela della salute cosi come il principio della sanzione da applicare in base alla gravità delle violazioni e all'eventuale recidiva".

Articolo aggiornato il 15 marzo 2021 alle ore 20.16 / Inserito commento del sindaco

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento