rotate-mobile
Cronaca

Sì ai concerti ma no alle bici, il paradosso del Velodromo: "Promesse non mantenute"

Slitta la data di apertura inizialmente prevista per lo scorso dicembre. Il presidente di Federciclismo Sicilia Diego Guardì: "Oltre all'impianto elettrico mancano circa 70 metri per completare il rifacimento della pista, ed i tempi di fine lavori ancora non sono stati specificati"

Tarda la riconsegna del Velodromo Borsellino alla città, almeno per quanto riguarda la pratica sportiva. La riapertura annunciata ad ottobre scorso dall'assessore allo sport del Comune, Sabrina Figuccia, data per certa entro la fine del 2022 non c'è stata. Un'attesa pesante soprattutto per l'ambiente palermitano delle due ruote. Il presidente di Federciclismo Sicilia Diego Guardì tuona: "Da quattro mesi ad oggi i lavori sono andati a piccoli passi e non oltre la collocazione del manto erboso sintetico, per quanto riguarda il campo di calcio".

"Rimane da ultimare la messa a punto dell’impianto elettrico. Fatto su cui, riferiscono dal Coime, si attende l’intervento di Amg, e deve ancora essere completata la sistemazione della pista dedicata al ciclismo, vero ed unico motivo di esistere dell'impianto palermitano". La situazione per il presidente del Comitato Regionale di Federciclismo, Diego Guardì è diventata ormai insostenibile: "Nonostante infiniti sopralluoghi con i tecnici dell'amminstrazione, nonostante il nostro contributo e tutte le azioni possibili messe in campo da noi per riaprire quanto prima il Velodromo Borsellino, l'impianto ancora non è disponibile per la pratica sportiva".

A rincarare la dose l'annuncio del concerto di Baglioni già messo in calendario per ottobre. "Sembra paradossale - continua Guardì - registrare i proclami che annunciano i concerti che proprio al Velodromo si disputeranno con tanto di calendario già ufficiale, dimenticando che la priorità è riaprire la struttura sportiva al servizio dei palermitani e ridare vita ad un impianto vero  fiore all'occhiello della città di Palermo". Sul cronoprogramma Guardì ha non poco da recriminare: "Ci erano state date garanzie sulla riapertura entro dicembre scorso, ma così è evidente che non è stato. Oltre l'impianto elettrico mancano circa 70 metri per completare il rifacimento della pista, ed i tempi di fine lavori ancora non sono stati specificati".

Proprio ieri intanto, al Velodromo comunale “Paolo Borsellino”, si è tenuto un sopralluogo della Commissione Bilancio e Patrimonio del Comune. "I consiglieri e le consigliere - si legge in una nota - hanno voluto verificare lo stato dell’impianto e dei lavori, che presto saranno ultimati, con la volontà di contribuire alle necessarie valutazioni rispetto all’utilizzo futuro della struttura. Un impianto che deve tornare ad essere un fiore all’occhiello della città, dentro un sistema complessivo di spazi sportivi a disposizione delle tante discipline praticate in città, su cui la commissione continuerà a vigilare, sia in riferimento alla restituzione alla città che al suo utilizzo".

Velodromo, sopralluogo dei consiglieri comunali

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sì ai concerti ma no alle bici, il paradosso del Velodromo: "Promesse non mantenute"

PalermoToday è in caricamento