rotate-mobile
Cronaca Zen

Vandalizzata la scuola Falcone allo Zen 2: "Distrutto l'impianto di amplificazione"

Il raid è avvenuto durante lo scorso fine settimana. Danneggiata anche la strumentazione digitale. L'assessore Tamajo: "Un atto vile ed immotivato che offende tutti". Il sindaco: "La sicurezza negli edifici scolastici è una nostra priorità"

Durante lo scorso fine settimana è stato distrutto l'impianto di amplificazione e la strumentazione digitale di supporto della scuola Falcone, allo Zen 2. L'istituto, dunque, è stato nuovamente preso di mira dai vandali.

"Ho telefonato alla dirigente Daniela Lo Verde per comunicarle la solidarietà mia e di tutta la scuola italiana per il vile atto vandalico che ha danneggiato l'Istituto Falcone. Siamo vicini a lei e all'intera comunità scolastica di Palermo", scrive in un tweet il ministro dell'Istruzione, Patrizio Bianchi.

"Un vile e immotivato atto che offende la comunità scolastica del territorio. Evidentemente molto ancora deve essere fatto sul fronte della sicurezza da parte delle istituzioni per rendere le scuole degli edifici sicuri e al riparo da vandalismi, come quello appena avvenuto. Cercheremo di valutare, insieme alla dirigente scolastica Daniela Lo Verde possibili soluzioni per contenere i danni causati all'istituto prima dell'avvio dell?anno scolastico", dichiara l'assessore all'Istruzione Aristide Tamajo. 

"Conosciamo le difficoltà del quartiere e soprattutto l'impegno quotidiano profuso dalla dirigente scolastica e da tutto il corpo docente che rappresentano un punto di riferimento per le tante famiglie del quartiere. Come sindaco di Palermo, nell'esprimere sincera vicinanza alla dirigente, rinnovo l'impegno di questa amministrazione per la scuola e la sicurezza degli edifici, aspetto sul quale stiamo già lavorando con le aziende del Comune", afferma il sindaco Roberto Lagalla.

"Colpire per l?ennesima volta una scuola, in particolare, in questo caso, un presidio strategico in un quartiere difficile come lo Zen, è colpire al cuore di tutta la comunità educativa di Palermo. Siamo vicini alla preside, a tutto il personale, e agli alunni dell?istituto Giovanni Falcone che hanno il diritto di tornare  nelle prossime settimane, in una scuola dotata e attrezzata adeguatamente. A quanto pare il clima di tensione e gli atti vandalici che si susseguono nel nostro territorio, non risparmiano nemmeno le istituzioni scolastiche?. Così Leonardo La Piana segretario generale Cisl Palermo Trapani e Vito Cassata segretario generale Cisl Scuola Palermo Trapani, dopo l?ennesimo raid all?istituto Falcone dello Zen 2. ?Ci auguriamo - concludono - che vengano individuati i responsabili, serve maggiore impegno per la sicurezza delle scuole della città e ancor più delle zone periferiche. Condanniamo questi episodi gravi che sottraggono strumenti fondamentali per gli studenti e che sono strategici anche per la mission educativa della scuola".

Solidarietà anche da Uil Sicilia e Area Vasta, guidata da Luisella Lionti. "Siamo da sempre contro ogni forma di violenza. E' necessario garantire più controlli e sicurezza in tutte le scuole. Gli studenti devono potere tornare in classe, non possono esserci battute d?arresto proprio a pochi giorni dall?inizio dell?anno scolastico?. E Lionti aggiunge: ?Chi mette in pratica ogni giorno azioni di legalità ed è al servizio della formazione e della crescita dei nostri giovani non può essere lasciato solo. La scuola è un bene di tutti da tutelare e proteggere".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vandalizzata la scuola Falcone allo Zen 2: "Distrutto l'impianto di amplificazione"

PalermoToday è in caricamento