Imbrattata la fontana della piazza di Carini, i vigili sulle tracce di due ragazzine

La polizia municipale ha avviato le indagini per dare un nome e un volto alle autrici della scritta “Ovetto. 4/12/2019” accompagnata dal disegno di un cuore. Il comandante Venuti: "Non si ha consapevolezza della gravità del fatto. Se imputabili rischiano fino a un anno"

Le due ragazzine immortalate da Aquila

Per lasciare quel messaggio con una bomboletta di vernice spray sulla fontana della piazza Carini hanno aspettato di trovarsi lontane da sguardi indiscreti, ma non avevano fatto i conti con gli “occhi” di Aquila. La polizia municipale ha avviato le indagini per risalire all’identità delle responsabili dell’atto vandalico registrato ieri sera in piazza Duomo. Un messaggio che per i vigili potrebbe essere collegato a qualche amore adolescenziale: “Ovetto. 4/12/2019”, scritto con il colore arancione sulla vasca della fontana e accompagnato dal disegno di un cuore.

Dopo l’accaduto la polizia municipale ha acquisito le immagini riprese dal sistema di videosorveglianza comunale in funzione 24 ore su 24. Ingrandendo le immagini, spiegano i vigilim si riescono a scorgere i volti delle due responsabili, apparentemente due ragazzine, che adesso rischiano di passare i guai. “Il fatto - spiega il comandante Marco Venuti - rientra in contesti familiari culturalmente arretrati in cui non viene inculcato ai ragazzi il rispetto dei beni comuni e dei luoghi di valore storico”.

Il reato di deturpamento e imbrattamento su cose d’interesse storico o artistico comprese nel perimetro dei centri storici, ricorda il comandante, è punito con la reclusione fino a uno anno. I minori, se imputabili, rischiano di finire innanzi al Tribunale dei minorenni con possibili gravi ripercussioni sulla loro vita da adulti, oltre ovviamente alle responsabilità che gravano sui genitori o su chi è tenuto alla vigilanza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Dalle immagini - scrive il sindaco Giovì Monteleone - si evince che l’imbrattamento è stato compiuto da due ragazzine alla presenza di parecchi passanti che hanno seguito la bravata senza intervenire. Per fortuna in questo buio totale c’è uno squarcio di luce: due carinesi che amano il territorio alla smania di smanettare sulla tastiera hanno preferito utilizzare spugna e diluente e sono intervenuti immediatamente per evitare il peggio iniziando un’opera di ripristino completata stamattina dai nostri operai comunali. Grazie a nome del Comune a Daniele Lo Piccolo e a Danilo Lo Iacono".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

  • "Gestiva il pizzo a Ballarò", arrestato dopo due mesi di latitanza Alfredo Geraci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento