rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Cronaca

Vampe smantellate dalla Rap e ricreate in 10 minuti: "Oltre 180 cassonetti incendiati, questa è inciviltà"

L'amministratore dell'ex municipalizzata, Girolamo Caruso, ringrazia tutti i lavoratori impegnati sin dall'8 marzo per prevenire gli incendi e condanna "gli attacchi violenti alle forze dell'ordine". Alla Kalsa e all'Arenella le cataste sono state rimosse più volte. Contenitori totalmente devastati in diverse strade della città. Servirà una settimana per ripulire

"Attacchi violenti ed incivili", è così che l'amministatore della Rap, Girolamo Caruso, definisce quanto accaduto tra ieri e stanotte in relazione alle operazioni per cercare di smantellare le vampe di San Giuseppe ed evitare danni: "E' evidente che la vampa di San Giuseppe è una tradizione difficile da estirpare - afferma Caruso - dal canto nostro abbiamo lavorato dall'8 marzo a ieri notte senza tregua, accanto alle forze dell'ordine per riuscire a prevenire situazioni di pericolo per le persone e per l'ambiente oltre che per le infrastrutture. Ringrazio i lavoratori dell'azienda e tutti coloro che sono stati coinvolti da queste attività di ripristino della legalità. Solidarietà va alle forze dell'ordine, ai lavoratori Rap, ai vigili del fuoco che nonostante facessero il loro egregio lavoro fino alle 3 di questa mattina sono stati oggetto di attacchi violenti ed incivili". 

Bonifica vampa Rap

La "guerriglia" delle vampe: mezzi distrutti e agenti feriti a sassate

Il bilancio è decisamente grave, a dispetto di capillari attività di prevenzione in cui la Rap è stata in prima linea: sono stati bruciati oltre 180 cassonetti e per rimuovere il materiale bruciato con le vampe, secondo le stime dell'azienda, servirà almeno una settimana. I contenitori sono stati totalmente vandalizzati in via Sunseri, via Mosca angolo via Imera, via Iera, via Cimbali, via Filippo Corazza, via Maggiore Amari, via Sant'Anna al Capo, via Santa Maria di Gesù e via Silvio Boccone, accanto alla stazione centrale. 

bonifica vampa Rap-2

Vampa e sassaiola davanti al Civico | Video

Le attività di prevenzione avviate con le forze dell'ordine già dall'8 marzo fino a ieri mattina, sabato 18 marzo, avevano portato alla rimozione del 95% delle vampe, in oltre 32 strade, dallo Zen a Borgo Vecchio, dall'Arenella a Bonagia. Al porticciolo dell'Arenella e in piazza Kalsa, per esempio, le cataste sono state rimosse addirittura più volte. "In ogni sito, giornalmente - dicono dalla Rap - sono stati portati via non meno di due cassoni scarrabili di rifiuti ingombranti". In poche ore, però, in diverse zone sono state create nuove cataste, utilizzando in molti casi i cassonetti non solo per spostare i pezzi di legno ma anche per appiccare le fiamme. 

"Dall'8 al 18 marzo- affermano dall'ex municipalizzata - sono stati riempiti 40 scarrabili di ingombranti. Soltanto ieri sono stati ben gli scarrabbili riempiti con oltre 100 tonnellate di rifiuti".

cassonetti distrutti durante le vampe

"Ieri mattina - fanno sapere dall'ex municipalizzata - si è intervenuti per scongiurare nuovamente le vampe ritirando ingombranti in via Verdinois, Largo Gervasi, via Pandora, via Faraone, piazza Kalsa, all'Arenella, via Guadagna, via Nicolò Latteri , piazza Santa Cristina, al porticciolo della Bandita, via Tirassegno (dove è stato rimosso pure del materiale bruciato), via Mortillaro, via Cappuccinelle, via Sirillo, via Volta, via Zisa, via Fausto Coppi, via Girardengo. In questo ultimo sito la vampa era stata bruciata e dei ragazzi stavano accumulando nuove cataste. E ancora siamo tornati ieri allo Zen 2 in particolare in via San Nicola, via Ascari, via Fausto Coppi, nonché in via Uditore, all'angolo via Tiepolo". In diverse zone però le vampe sono state ricreate anche in appena 10 minuti e sono state incendiate: "E' successo in via Lazzaro, via Mosca, via Tiro a Segno 60, via San Saverio, via Grasso, piazza Sant'Anna, via Spedalieri angolo via Cimbali, piazza Guadagna, via del Bassotto, via dell'Airone, via Allodola, via Usignolo", dicono ancora dalla Rap. 

Elicotteri in volo sulla città contro le vampe

Interventi erano stati compiuti nei giorni precedenti in piazza Magione, in via Laudicina, via del Bassotto, in via Rocky Marciano, via Pensabene, via Carmelo Lazzaro, via Calcante, via Donato, piazza Leotta (dietro all'ospedale Civico) ed era stato monitorato tutto lo Zen 2. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vampe smantellate dalla Rap e ricreate in 10 minuti: "Oltre 180 cassonetti incendiati, questa è inciviltà"

PalermoToday è in caricamento