menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Pazienti in attesa davanti alla Fiera

Pazienti in attesa davanti alla Fiera

Via ai vaccini anti Covid per i "fragili", in Fiera è caos: "Noi in fila davanti ai cancelli per ore"

In duemila aspettano di ricevere una dose del Pfizer. La testimonianza di uno scrittore con la sclerosi multipla: "Attendo il mio turno da 4 ore". Il commissario per l'emergenza Costa: "Procedure di valutazione clinica per questi soggetti sono più lunghe, valuteremo se ridurre gli appuntamenti"

Pazienti in fila per ore sul marciapiede davanti ai cancelli della Fiera del Mediterraneo in attesa di essere vaccinati. E' partita nel caos la campagna per i soggetti vulnerabili che da stamattina stanno ricevendo la prima dose di Pfizer. C'è gente che aveva appuntamento alle 12 e che alle 15.30 è ancora in attesa. Tra questi c'è Giacomo Cacciatore, scrittore di 54 anni affetto da sclerosi multipla. "C'è pochissimo distanziamento e - racconta all'Adnkronos - qualcuno mi alita addosso, ho dovuto chiedere di allontanarsi. Penso soprattutto ai vecchietti in piedi, sotto il sole, senza la possibilità di sedersi. Adesso - continua - ci hanno fatto entrare da una porta laterale della Fiera del Mediterraneo e ci troviamo su una terrazza-cortile, tutti in fila. Qui il distanziamento, per fortuna, viene rispettato ma sembra la scena di un film sui deportati...".

"Siamo in attesa di entrare in un altro piazzale che precede il nostro approdo nel tendone bianco, tanto ambito, per potere fare la prima dose di vaccino - racconta ancora Cacciatore, autore di romanzi come 'Piccola Italiana', 'Se Tornasse Natale' e 'Figlio di Vetro' -. Da lì spero di uscire al più presto per tornare a casa a riposare".

Sono state ventimila le prenotazioni effettuate tramite la piattaforma messa a disposizione da Poste per i vaccini dei "soggetti vulnerabili" per la prima giornata della nuova fase della campagna vaccinale. E sono duemila le persone che oggi saranno vaccinate in Fiera. "Sono stati programmati vaccini - spiega il commissario per l'emergenza, Renato Costa - per 150 soggetti fragili all'ora ma le procedure di registrazione e valutazione clinica per loro sono più lunghe. Valuteremo se ridurre gli appuntamenti orari".  Oltre ai soggetti fragili presso l'hub continuano le somministrazioni per gli over 80 che devono fare la seconda dose.  "Lavoriamo senza sosta - conclude Costa - ma chiedo a tutti coloro che devono venire di rispettare l'orario di prenotazione".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Le foto che in queste ore circolano e che - dichiarano i parlamentari del Movimento 5 Stelle, Roberta Alaimo e Valentina D’Orso - ritraggono centinaia di cittadini fragili in fila alla fiera del Mediterraneo, per ore a turno sotto il sole e in alcuni casi senza distanziamento minimo, hanno provocato indignazione. Non si può giocare con la salute delle persone, soprattutto di quelle più vulnerabili. L’assessore Razza - continuano i parlamentari - si prenda le proprie responsabilità, chieda scusa ai cittadini e risolva il problema potenziando i centri per la vaccinazione, destinando taluni spazi al coperto all’attesa in sicurezza, riprogrammando il numero delle prenotazioni giornaliere, sfruttando anche le ore serali se necessario. Solo così - concludono Alaimo e D'Orso - si potrà garantire un accesso ordinato e costante dei soggetti da vaccinare e un sicuro svolgimento delle operazioni”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento