Martedì, 21 Settembre 2021
Cronaca

Vaccini anti Covid, in Sicilia 685 persone coinvolte nella prima fase: si comincia dalle aziende sanitarie

Domenica il V-day all'ospedale Civico; mentre dal 28 al 30 dicembre le delegazioni provenienti dalle altre province dell'Isola giungeranno a Palermo, dove sono già in allestimento i centri di somministrazione. L'assessore Razza: "Ok dal Parlamento nazionale"

Saranno 685 in Sicilia le persone coinvolte nella fase iniziale della campagna vaccinale anti Covid che prenderà il via domenica 27 dicembre, così come in tutta Europa, con il vaccino day programmato all’ospedale Civico di Palermo.

Saranno inoltre coinvolte le rappresentanze di tutte le Aziende sanitarie siciliane: dal 28 al 30 dicembre prossimi, infatti, le delegazioni provenienti dalle altre province dell’Isola giungeranno nel capoluogo siciliano dove sono già in allestimento i centri di somministrazione. L’organizzazione è stata definita dai vertici dell’assessorato regionale alla Salute nel corso di una riunione che si è tenuta ieri.

L'assessore Ruggero Razza ha sottolineato che "la fase 1 della campagna vaccinale è stata approvata dal Parlamento nazionale. Come è noto toccherà agli operatori della sanità, chi è negli ospedali, chi lavora più a contatto con i pazienti positivi e coloro i quali sono impegnati nell'emergenza".

Negli ultimi giorni si sono infittiti i contatti fra l’assessorato regionale alla Salute e il commissario nazionale anti Covid, Domenico Arcuri per definire i dettagli del piano di distribuzione. Nell'elenco delle sedi fornito dalla Regione ad Arcuri rientrano i principali ospedali di Palermo e Catania, la Banca del cordone ombelicale di Sciacca e almeno un presidio in ogni provincia. Esaurita la prima fase, che prevede la vaccinazione negli ospedali, verrà messa in moto la "macchina" per la somministrazione a migliaia di persone al giorno, da radunare in locali ampi e controllati. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccini anti Covid, in Sicilia 685 persone coinvolte nella prima fase: si comincia dalle aziende sanitarie

PalermoToday è in caricamento