rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Cronaca

Università, dal 17 al 19 maggio le elezioni per il rinnovo del consiglio nazionale degli studenti

Giorgio Marretta è il candidato palermitano al Cnsu sostenuto da Udu, Intesa Universitaria, Rum, ReAzione e Alfaomega

Il 17, 18 e 19 maggio si svolgeranno le elezioni per il rinnovo del Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari. Dopo tre anni dall’ultima tornata elettorale l’Università degli Studi di Palermo e tutte le Università italiane saranno chiamate ad eleggere i propri rappresentanti a Roma. Dall’Ateneo palermitano, la coalizione composta dalle associazioni Intesa Universitaria, Rum – Rete Universitaria Mediterranea, Udu Palermo – Unione degli Universitari, ReAzione e Alfaomega, condividendo da anni un progetto politico, sostiene  la candidatura di Giorgio Marretta nella lista nazionale Udu-Unione degli Universitari per il collegio sud (IV distretto).  

Il Cnsu è un organo di rappresentanza con funzione consultiva per il MUR, composto da 28 studenti e studentesse eletti da tutti gli Atenei d’Italia. L'unico organo di rappresentanza studentesca nazionale riconosciuto che formula pareri e proposte per il Ministero dell'Università su tutti gli argomenti di sua competenza (dal diritto allo studio al finanziamento ordinario degli Atenei, dall’accesso ai corsi ai regolamenti sulla didattica).

“Anche quest’anno da Palermo - dichiara il coordinatore d’Ateneo dell’Udu  Palermo – Unione degli Universitari, Valerio Quagliano - abbiamo espresso la candidatura nella lista Udu-Unione degli Universitari per proseguire il lavoro che l’Udu nazionale già fa da anni, confermando anche quest’anno la presidenza dell’organo come avviene da 9 anni consecutivi, con l’obiettivo di rendere l’università accessibile a tutti e per migliorare la condizione studentesca nel paese e soprattutto nel Mezzogiorno. La pandemia ha palesato tutte le iniquità che ancora oggi sono purtroppo presenti nel nostro sistema universitario. Oggi, attraverso la candidatura di Giorgio Maretta al Cnsu, si potrà tornare a lavorare per far fronte ai bisogni degli studenti, cambiati dopo due anni di lontananza dalle proprie aule e ora tornati quasi alla normalità pre-Covid. La candidatura nella lista Udu, supportata dalle associazioni della coalizione conferma il progetto politico che da anni portiamo avanti ad UniPa e che continuerà anche a livello nazionale". 

"Sicuramente ci troviamo dinanzi a una bella sfida, finalizzata non soltanto a un momento elettorale, come purtroppo la visione politica ci ha abituati, ma di condivisione di contenuti, progetti e voglia di fare - dichiara il presidente di Intesa Universitaria Adele Nevinia Pumilia -. Questa è l’espressione di una coalizione che da anni condivide un percorso comune, che ha come unico obiettivo la vera e sana rappresentanza, che porta a casa vittorie per il bene degli studenti, per rendere questa università sempre più a misura di studente. Oggi, lo sguardo si rivolge verso un organo di fondamentale importanza per la popolazione studentesca e con grande ambizione e progettualità, per far sì che Palermo ritorni ad averlo, abbiamo deciso di supportare a gran voce la candidatura di Giorgio Maretta; un volto, un nome, espressione però di gruppi associazionistici che non hanno mai fatto un passo
indietro di fronte alle competizioni e alle sfide più difficili, oggi più che mai".

"Siamo chiamati a una nuova sfida che accogliamo con enorme entusiasmo e spirito di sacrificio per portare avanti un progetto di sana rappresentanza per tutti gli studenti di Unipa e non solo - aggiunge il presidente di Rum – Rete Universitaria Mediterranea, Carmelo di Pane -  Insieme alle altre forze della coalizione abbiamo deciso di esprimere la candidatura di Giorgio Marretta, persona che si è sempre spesa per la rappresentanza, già Consigliere presso il corso di studi in Giurisprudenza e presidente dell’Associazione ContrariaMente, per portare la voce degli studenti dell'Ateneo palermitano al vertice della rappresentanza Universitaria. Il progetto di questa coalizione resta fermo e mette sempre al primo posto i bisogni e le istanze degli studenti. È il momento di attuare una rivoluzione culturale volta a migliorare l'ateneo ma soprattutto ad agevolare la vita degli studenti universitari”. 

“La nostra associazione - spiega  la coordinatrice di ReAzione, Federica Palmeri - ha sempre sostenuto che un'ottima rappresentanza studentesca possa essere portata avanti esclusivamente da studenti e studentesse consapevoli delle necessità del proprio Ateneo. in accordo con le Principali associazioni dell’Ateneo di palermo, abbiamo deciso di sostenere la candidatura del collega Giorgio Marretta. Riteniamo che, in un organo di rilevante importanza come il Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari, sia necessaria una rappresentanza che abbia contezza delle difficoltà che affrontano gli Atenei del sud Italia, per prospettare un futuro migliore agli studenti e alle studentesse che verranno. Speriamo che il ritorno alle votazioni in presenza rappresenti una fonte di stimolo per tutta la comunità studentesca, consapevoli della grande sfida a cui andiamo incontro.”

“La candidatura al Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari - aggiunge  il presidente di Alfaomega, Giuseppe Sarcona- è una sfida che la coalizione si è posta affinché la rappresentanza Siciliana possa esprimere nuovamente un consigliere nazionale. La collaborazione tra tutte le associazioni, avvenuta sin dai primi momenti in cui è stata proposta l’idea, ha portato alla candidatura condivisa di Giorgio Marretta. Insieme al candidato e alla coalizione abbiamo a cuore l’importanza dei Poli decentrati, che Alfaomega rappresenta.”

“Dopo anni di associazionismo è per me un onore essere candidato al Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari - dichiara Giorgio Marretta, candidato al Cnsu con una lista, quella dell'Udu, che da anni opera in questo consiglio ottenendo grandi risultati per gli studenti, supportato dalla coalizione all’interno della quale da anni lavoro ed in cui credo, composta da alcune delle associazioni più rappresentative del nostro ateneo: Udu,Rum,  Intesa Universitaria, ReAzione e Alfaomega. Nei prossimi giorni sarà un piacere parlare con gli studenti delle idee e delle proposte volte a migliorare la vita universitaria che tutti noi ogni giorno affrontiamo. E’ fondamentale oggi portare con forza la voce degli studenti del mezzogiorno, dei Nostri atenei, dei giovani siciliani come me all’interno del MUR, costruendo insieme politiche di sviluppo per gli atenei del Sud che portino ad una reale equiparazione tra i territori, che vertano su una reale perequazione dei fondi e dei servizi erogati, che portino i nostri giovani a scegliere gli atenei a loro più prossimi per formarsi, per lavorare e per vivere, assicurando un futuro luminoso alla nostra terra.”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Università, dal 17 al 19 maggio le elezioni per il rinnovo del consiglio nazionale degli studenti

PalermoToday è in caricamento