rotate-mobile
Cronaca

Residenze per universitari: accordo tra Ersu e Comune per 40 mila giovani bisognosi

La firma dell’accordo è avvenuta ieri, a Palazzo delle Aquile, tra il sindaco Roberto Lagalla e il presidente di Ersu Palermo Giuseppe Di Miceli

Ersu e Comune di Palermo hanno sottoscritto un protocollo d’intesa per rafforzare, attraverso un accordo quadro, la missione di Palermo città universitaria, in particolare nei confronti dei circa 40 mila studenti meritevoli e bisognosi che frequentano l’Università degli studi di Palermo, l’Università Lumsa, l’Accademia delle Belle Arti e il Conservatorio di musica Scarlatti. La firma dell’accordo è avvenuta ieri, a Palazzo delle Aquile, tra il sindaco Roberto Lagalla e il presidente di Ersu Palermo Giuseppe Di Miceli.

"Una sinergia preziosa per la tutela e la valorizzazione del diritto allo studio degli studenti palermitani - ha detto il primo cittadino -. L'impegno di questa amministrazione sarà orientato al potenziamento della residenzialità universitaria, mettendo a disposizione immobili del Comune idonei all'accoglienza degli studenti, con l'obiettivo di contribuire a potenziare la naturale vocazione di Palermo come città universitaria".

Per il presidente dell'Ersu con l'accordo appena siglato si avvia "un rapporto stabile di collaborazione e sinergia con il Comune di Palermo per promuovere e sviluppare iniziative congiunte finalizzate a migliorare la fruizione del diritto allo studio con l’obiettivo di rendere Palermo città universitaria veramente a misura di studente". L’Ersu e il Comune di Palermo si pongono in particolare l’obiettivo di implementare la residenzialità universitaria, individuando soluzioni volte al miglioramento dell’offerta degli alloggi per studenti, anche mediante l’utilizzo delle rispettive proprietà immobiliari, risorse umane, tecnologiche e attrezzature. Per ottimizzare e potenziare l’housing universitario si procederà all’individuazione di nuovi immobili del Comune. L’accordo prevede anche il reciproco supporto istituzionale nell’ambito dei servizi amministrativi, informatici e tecnici.

L’Ersu si impegna, invece, a mettere a disposizione le proprie risorse strumentali e professionali necessarie per la realizzazione delle attività di comune interesse anche mediante la predisposizione di progetti e iniziative pilota, nonché la disponibilità di risorse derivanti da finanziamenti nazionali e regionali, aventi ad oggetto la tutela del diritto allo studio universitario. Per rendere esecutivo l’accordo viene istituito un tavolo bilaterale di lavoro Ersu-Comune.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Residenze per universitari: accordo tra Ersu e Comune per 40 mila giovani bisognosi

PalermoToday è in caricamento