"Una parola che non c'è": la canzone di Guglielmino per cantare l’emigrazione

Il cantautore palermitano, che da anni fa la spola tra Amburgo e la Sicilia, racconta nel suo ultimo videoclip uscito su YouTube la nostalgia nel lasciare la propria terra e gli affetti. Con questa canzone è passato alla fase finale del Festival "Canta Italia" di Stoccarda

Il cantautore palermitano Fabio Guglielmino

Una canzone per parlare di emigrazione. Fabio Guglielmino, cantautore palermitano trapiantato in Germania, lancia su YouTube il video del brano "Una parola che non c’è": nel pezzo è racchiusa la nostalgia nel lasciare la propria terra e gli affetti. Da un anno fa la spola tra Amburgo e Palermo, e tra gli show nei club tedeschi scrive canzoni e registra un demo acustico presso la Devil’s House di Amburgo per raccogliere il materiale per un futuro disco.

Guglielmino in uno di questi pezzi ha deciso di raccontare con chitarra e voce l’emigrazione e il distacco dalla terra natìa: è nato così il brano "Una parola che non c’è”, il cui video è appena uscito su YouTube. Il videoclip è stato girato in collaborazione con Dreamwood. La canzone parla della forza di lasciare la propria terra per cercare un futuro migliore, ma anche di come è difficile riuscire a descrivere quella nostalgia di ciò che si è lasciato alle spalle. Un amore, gli affetti, gli amici, la propria città.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Con questa canzone Guglielmino è passato alla fase finale del Festival "Canta Italia" di Stoccarda che si terrà a febbraio. Nel 2015 il cantante è stato protagonista di numerose iniziative ed eventi tra Francoforte, Monaco ed Amburgo. Non sono mancati gli appuntamenti in Sicilia: è stato tra gli ospiti del “Dedalo festival”, con lo spettacolo rock “I viaggi di Giosuè” creato insieme alla sua formazione “The Bornheimer” nella prestigiosa rassegna “C’era una volta un Maestro” di Vito Zappalà a Palermo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Capo in lutto per la morte di Irene, giovane mamma: "Non ti dimenticheremo mai"

  • Il Covid e la paura di un nuovo lockdown, Miccichè: "Sarebbe morte Sicilia"

  • In Sicilia nuova ordinanza anti Covid: ingressi limitati nei locali, più controlli e stretta sui migranti

  • La corsa in ospedale e la disperazione, bambino di 3 mesi muore al Di Cristina

  • Maltempo in arrivo: temporali e rischio grandine, scatta l'allerta meteo

  • Coronavirus, in Sicilia accertati altri 29 nuovi positivi: tre a Palermo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento