I contagi alle Poste di via Ugo La Malfa sono diventati 8, la Uil: "Qualcosa non ha funzionato"

I sindacati: "La notizia dei contagi da Covid 19, nel complesso del Centro meccanizzazione postale di Palermo, ripropone l'esigenza di non abbassare la guardia sul rispetto delle misure per la tutela della salute dei lavoratori"

"La notizia dei contagi da Covid 19, nel complesso del Centro meccanizzazione postale di Palermo, ripropone l'esigenza di non abbassare la guardia sul rispetto delle misure per la tutela della salute dei lavoratori. Evidentemente qualcosa non ha funzionato nel complesso sistema di prevenzione contro i rischi da coronavirus". Lo sostiene la sezione locale della Uil che ricorda che già negli scorsi mesi, in una nota indirizzata alle Poste, "aveva chiesto a gran voce di provvedere ad uno screening sierologico di questi lavoratori, senza escludere di ricorrere direttamente ai tamponi, visto che sono a stretto contatto con la clientela". I contagi all'interno del centro di via Ugo La Malfa sono diventati 8.

“Oggi per noi non è pregiudiziale la ricerca di eventuali responsabilità che hanno reso possibile l'evento, ci sarà tempo - si legge in una nota - anche se ci tocca ricordare che siamo stati costretti a ripetuti interventi per il registrato mancato uso delle mascherine nei posti di lavoro. Quante volte lo abbiamo fatto e per quante volte i nostri richiami sono rimasti inascoltati. E tuttavia, vogliamo rammentarlo ancora! L’uso di mascherine, frequente lavaggio delle mani e il distanziamento sociale, laddove questo può essere attuato, sono le uniche accortezze da praticare per scongiurare la possibilità di essere contagiati da questo virus tanto subdolo, quanto pericoloso. Oggi è urgente una "manutenzione" in chiave di efficacia/efficienza dell'intera area della sicurezza, attraverso il controllo puntuale della fornitura e uso dei presidi da parte dei preposti aziendali. Ed è ancor più necessario oggi, rispettare puntualmente i protocolli disposti dai vari DPCM, e sottoporre tutti i lavoratori ai tamponi e allo screening sierologico per mettere in sicurezza il sistema, e soprattutto i lavoratori e le loro famiglie! Noi vigileremo con l'ausilio degli RLS e RSU, preannunciando interventi di denuncia al verificarsi di omissioni ed inefficienze in tutte le fasi del previsto processo di sicurezza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Nuovo Dpcm "spacca weekend" e spostamenti vietati: si cambia colore tra sabato e domenica?

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore: la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Coronavirus, Musumeci chiede la zona rossa a Conte: "Altrimenti firmo io l'ordinanza"

  • La quindicenne costretta a prostituirsi: "Mi davano anche 150 euro a rapporto, ero un oggetto"

  • Nuovo Dpcm: Governo conferma l'ipotesi dello stop all'asporto per i bar dopo le 18

Torna su
PalermoToday è in caricamento