Cronaca

Casteldaccia, cadavere in strada “Ucciso da un’auto pirata”

Non hanno dubbi i carabinieri che nella notte hanno svolto le indagini per comprendere come Pietro Perillo, 60 anni, avesse potuto trovare la morte in via Pietro Nenni. Probabilmente la vittima è stata investita

I carabinieri effettuano i rilevamenti in via Nenni

In un primo momento si era pensato a un incidente o una caduta accidentale, ma le indagini dei carabinieri hanno accertato che la vittima era stata investita da un’auto pirata. Il cadavere di Pietro Perillo, 60 anni, di Casteldaccia è stato trovato riverso per terra in una strada del paese. Non c’è voluto molto per capire che le ferite trovate sul corpo dell'uomo erano state provocate dall'impatto con una vettura. I carabinieri avrebbero già visionato alcune immagini riprese da un sistema di videosorveglianza per risalire all'identità dell'investitore. Non è ancora chiaro se sia trattato di un incidente o se l'automobilista abbia volutamente travolto Perillo. L'auto della vittima era parcheggiata in una zona isolata, nei pressi del luogo dove è stato trovato il corpo in via Pietro Nenni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casteldaccia, cadavere in strada “Ucciso da un’auto pirata”

PalermoToday è in caricamento