Ballarò, sequestrati 35 uccelli di specie protetta: denunciato venditore abusivo

Cardellini, verzellini, lucherini, capinere e merli erano sui banchi di vendita e occultati tra i vicoli del mercato. I carabinieri forestali del Nucleo Cites li hanno trovati "in gabbie anguste e in condizioni di grave sofferenza". Un 60enne segnalato all'autorità giudiziaria per ricettazione

I carabinieri forestali del Nucleo Cites hanno sequestrato 35 esemplari tra cardellini, verzellini, lucherini, capinere e merli posti sui banchi di vendita e occultati tra i vicoli del mercato di Ballarò. Gli uccelli - tutti appartenenti a specie protette - sono stati rinvenuti domenica "all’interno di gabbie angusta, in condizioni di grave sofferenza, tali da impedire loro non solo di volare ma in alcuni casi anche di muoversi all’interno". Lo riferiscono i militari dell'Arma, che hanno denunciato un venditore abusivo di 60 anni.

Successivamente, gli esemplari sono stati sottoposti a visita medico-veterinaria dal dipartimento di Prevenzione Veterinaria dell’Asp, "che ne ha dichiarato la detenzione in condizioni incompatibili con la loro natura etologica". Pertanto, gli animali sono stati portati al Centro recupero fauna selvatica di Ficuzza ed al termine del processo riabilitativo saranno reintrodotti in natura.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il venditore è stato segnalato all’autorità giudiziaria anche per ricettazione, in quanto deteneva ai fini di vendita beni provenienti da reato, ovvero derivanti da furto aggravato ai danni del patrimonio indisponibile dello Stato. "Tale fattispecie - spiegano i carabinieri - è ravvisabile anche in capo a chi acquista gli stessi beni provenienti da reato. L'Arma rinnova l’invito a non acquistare animali al di fuori di esercizi commerciali specializzati, poiché oltre ad incorrere in responsabilità penali, si rischia di ledere ulteriormente l’eccezionale patrimonio di biodiversità del nostro territorio". Alla luce dei numerosi casi registrati nelle ultime settimane, i carabinieri intensificheranno i controlli anche sul web, setacciando gli annunci di vendita online.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Pizzaiolo positivo al Coronavirus, chiuso lo storico panificio Graziano

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

  • Virus, verso una nuova ordinanza: mascherine obbligatorie all'aperto e stretta sulla movida

  • "Gestiva il pizzo a Ballarò", arrestato dopo due mesi di latitanza Alfredo Geraci

  • Abbattuto il pilastro del cancello di Villa Igiea: assessore chiama i carabinieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento