menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Matteo Tutino

Matteo Tutino

Tutino appende il camice al chiodo: Villa Sofia lo sospende

Il medico sotto processo era stato appena rimesso in libertà e aveva manifestato l'intenzione di tornare in servizio. Ma la direzione generale dell'ospedale gli ha chiuso le porte: è stato sospeso in via cautelare

Sospeso a tempo indeterminato. Matteo Tutino, primario del reparto di Chirurgia plastica di Villa Sofia, non tornerà in servizio. Lo ha deciso la direzione strategica dell'ospedale. Tutino - che lo scorso giugno era stato arrestato per truffa, falso e peculato - è stato sospeso in via cautelare sine die in applicazione articolo 10 comma 6 del contratto nazionale di lavoro di dirigenza medica che prevede questo tipo di provvedimento in caso di procedimento penale in corso. 

La sospensione segue quindi la vicenda giudiziaria. Inoltre la direzione strategica dell'azienda ospedaliera ha stabilito che a Tutino verrà corrisposta una indennità mensile pari al 50 per cento dello stipendio tabellare. Una notizia che era nell'aria è che stata ufficializzata nel pomeriggio. 

Proprio ieri il gip di Palermo Ettorina Contino aveva revocato gli arresti domiciliari e disposto l'obbligo di dimora nei confronti del primario del reparto di Chirurgia maxillo facciale, medico personale del presidente della Regione Rosario Crocetta. Il chirurgo era dunque tornato in libertà. E per questo aveva comunicato alla direzione di Villa Sofia la volontà di tornare in servizio. L'ospedale però gli ha chiuso le porte e la sospensione è stata riconfermata

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento