rotate-mobile
Domenica, 3 Marzo 2024
Cronaca

Turisti abbandonati di notte a Punta Raisi, intervengono l'Enac e il sindaco: "Disagi inaccettabili"

La vicenda dei passeggeri giunti da Berlino venerdì notte e lasciati senza alcun mezzo di trasporto per raggiungere la città diventa un caso nazionale. Il presidente dell'ente per l'aviazione civile: "Occorre trovare subito una soluzione". Lagalla: "Interlocuzione con la Regione per superare il problema"

La vicenda dei turisti abbandonati davanti all'aeroporto di Punta Raisi venerdì notte e, in seguito ad un ritardo del volo da Berlino, rimasti senza alcun mezzo per raggiungere la città, raccontata da PalermoToday, diventa un caso nazionale: il presidente dell'Enac, Pierluigi Di Palma, che domani (martedì 28 giugno) sarà proprio in visita a Palermo, ha infatti sollecitato un intervento per evitare disagi di questo tipo ai passeggeri. Inoltre sull'episodio oggi interviene anche il neosindaco, Roberto Lagalla, che chiederà "alle autorità regionali" "ove fosse necessario" di "riconsiderare l'attuale programmazione del collegamento tra aeroporto e città". A sua volta, il consigliere comunale di Forza Italia, Ottavio Zacco - che giudica la vicenda "imbarazzante ed intollerabile" - auspica che proprio il sindaco "avvii al più presto un'interlocuzione con i vertici delle Ferrovie, affinché si posticipi l'ultima corsa di almeno un'ora dopo l'arrivo previsto dell'ultimo volo".

Già sabato sul tema era intervenuto il deputato della Lega, Francesco Scoma, sollecitando interventi anche infrastrutturali per migliorare sempre più la gestione del turismo nell'Isola e assicurare così che resti una meta competitiva per gli stranieri.

Abbandonati di notte a Punta Raisi, lo schiaffo di Palermo ai turisti

Una brutta storia quella che si è verificata venerdì sera a Punta Raisi, dove il volo da Berlino, anziché atterrare a mezzanotte e 5 minuti, è arrivato all'1.15. I circa 200 passeggeri si sono così ritrovati senza alcun collegamento per raggiungere Palermo: infatti l'ultima corsa dell'autobus è all'1, l'ultimo treno a mezzanotte e 25 e davanti all'aeroporto "Falcone e Borsellino" non c'erano neppure taxi. Che i turisti hanno dovuto chiamare intorno alle 2 e vedere arrivare una quarantina di minuti dopo. L'ultimo gruppo di sfortunati (e sconcertati) viaggiatori è arrivato nel centro di Palermo intorno alle 3.20. L'articolo di PalermoToday ha suscitato un dibattito molto vivace.

Il presidente dell'Enac: "Evitare questi disagi"

Il presidente dell'Enac (nella foto), interpellato da questo giornale, spiega che "dopo aver appreso la notizia, ho sollecitato le autorità competenti perché ci sia una maggiore attenzione". Di Palma afferma inoltre che "occorre trovare un modo per evitare questi disagi e disservizi ai passeggeri". Ma non è l'unica criticità segnalata dall'Enac e domani, durante una visita in città, si cercheranno delle soluzioni.

Pierluigi Di Palma-2

Il sindaco: "Situazione spiacevole, al lavoro per una soluzione"

"Sorprende e dispiace il disagio subito da un gruppo di turisti, atterrati a Palermo venerdì notte, i quali non hanno trovato un transfer immediato dall'aeroporto al centro cittadino. Una situazione d'emergenza, provocata dal ritardo del volo, alla quale hanno posto rimedio i tassisti che ringrazio per essersi resi disponibili nonostante la mancata programmazione", così afferma Lagalla, anche se - per la verità - i tassisti davanti all'aeroporto non c'erano e sono stati chiamati dai passeggeri (che in buona parte non parlavano neppure l'italiano). "Da parte  sua - continua il neosindaco - il Comune chiederà specifici approfondimenti a Gesap (che non ha reponsabilità nella vicenda, ndr) e, sulla base delle risultanze, provvederà ad ulteriori contatti con le competenti autorità regionali, ove fosse necessario riconsiderare l'attuale programmazione del collegamento tra aeroporto e città".

Il consigliere Zacco: "Vicenda imbarazzante, subito un vertice con le Ferrovie"

Per il consigliere Zacco "occorre potenziare con urgenza i servizi di accoglienza e il sistema di trasporto pubblico". E spiega: "I turisti sono stati abbandonati al loro triste destino senza poter lasciare l'aeroporto per la mancanza di mezzi di trasporto pubblico, una vicenda dai contorni imbarazzanti. La nostra città, dopo la crisi pandemica, a piccoli passi, sta tornando ad essere una delle mete più ambite dal turismo internazionale, per tale motivo non possiamo rimanere indietro. Occorrono investimenti pubblici - sottolinea Zacco - attingendo ai fondi del Pnrr con il coinvolgimento di investitori privati per potenziare infrastrutture e servizi di accoglienza, affinché la nostra città e il suo hinterland siano competitivi. Non è tollerabile che il maggiore scalo aereo dell'Isola sia collegato con la città soltanto fino ad un certo orario, lasciando i passeggeri disorientati senza nessun mezzo di trasporto per raggiungere Palermo. Auspico che il nuovo sindaco - conclude il consigliere - avii al più presto un'interlocuzione con i vertici delle Ferrovie, affinché si posticipi l'ultima corsa che collega l'aeroporto con il capoluogo, almeno un'ora dopo l'arrivo previsto dell'ultimo volo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Turisti abbandonati di notte a Punta Raisi, intervengono l'Enac e il sindaco: "Disagi inaccettabili"

PalermoToday è in caricamento