Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca Ustica

Ustica, malore durante immersione: turista fuori pericolo grazie alla camera iperbarica

Una francese di 45 anni si è sentita male a 35 metri di profondità. Quindi il trasporto d'urgenza nella struttura sanitaria dove è stata sottoposta a una terapia di 5 ore. Il tempestivo intervento ha scongiurato danni permanenti

Malore in acqua per una turista francese, ricoverata e guarita grazie alla camera iperbarica. E’ accaduto a Ustica, dove una donna di 45 anni è stata salvata dall’equipe dell’Asp di Palermo in servizio sull’isola. Si era avventurata con bombole e muta a 35 metri di profondità. Dopo aver essersi sentita male ed essere stata portata insuperbirei, è stata sottoposta a una terapia ricompressiva d’urgenza per circa cinque ore.

La paziente, come diagnosticato sin da subito, aveva i “classici” sintomi di una patologia da decompressione. La tempestività dell’intervento terapeutico ha permesso di salvarla. Infatti il breve tempo trascorso tra l’insorgenza dei sintomi ed il trattamento iperbarico non deve superare i 30 minuti. Solo questo permette alle bolle di regredire senza causare danni permanenti.

A gestire le camere iperbariche di Partinico, Ustica e Lampedusa è l’Azienda sanitaria provinciale di Palermo, che si avvale di anestesisti rianimatori e personale sanitario e tecnico specializzato in medicina subacquea ed iperbarica. Questo primo caso stagionale a Ustica, e altri due casi a Favignana, confermerebbero l’utilità salvavita della rete regionale iperbarica nelle isole minori. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ustica, malore durante immersione: turista fuori pericolo grazie alla camera iperbarica

PalermoToday è in caricamento