menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Piazza Marina

Piazza Marina

Piazza Marina, baby gang ancora in azione: picchiato turista olandese

L'uomo stava riposando nel suo furgone quando qualcuno ha aperto lo sportello. Quindi un gruppo di ragazzi ha iniziato a picchiarlo e gli ha spruzzato addosso il contenuto di un piccolo estintore. Si tratta del secondo caso in pochi mesi. Indaga la polizia

Il "branco" di piazza Marina colpisce ancora. Stavolta ad essere preso di mira è un turista olandese di 67 anni. L'uomo è finito in ospedale dopo essere stato aggredito da un gruppo di ragazzi. Apparentemente senza motivo.

Secondo quanto fanno sapere dalla Questura, la vittima stava riposando all'interno del suo furgone Mercedes quando - intorno alle 15 - qualcuno ha aperto lo sportello improvvisamente. Quindi i giovani dopo averlo picchiato gli hanno gettato addosso il contenuto di un piccolo estintore che si trovava all'interno dell'auto. Poi gli hanno rubato le chiavi del mezzo e sono fuggiti via. Il turista è rimasto ferito agli occhi e a causa delle sostanze contenute nell'estintore ha anche accusato problemi respiratori.

Alcuni testimoni hanno assistito alla scena e hanno allertato la polizia e i soccorritori del 118. L'uomo è stato trasportato al Policlinico per le cure mediche. Gli agenti invece indagano sull'accaduto. Non è chiaro se si sia trattato di un tentativo di rapina o di una "risposta" a qualche screzio avuto in precedenza tra qualche componente del gruppo e l'olandese. O peggio ancora di un "orrendo giochino" di adolescenti "annoiati".

Non è la prima volta che si verifica un episodio del genere nella zona. Ad agosto infatti un trentenne è stato aggredito, strattonato e picchiato da cinque giovanissimi. Il modus operandi è stato simile a quello di oggi. "Stavo per aprire lo sportello dell'auto - raccontò allora la vittima a PalermoToday - quando sono stato bloccato. Contro di me pugni e schiaffi. Mi hanno anche graffiato e tirato per i capelli, fino a sottomettermi dentro l'auto. Li avevo addosso, mi intimavano di stare zitto e mi minacciavano. Dicevano che mi avrebbero massacrato di pugni".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento