Cronaca

Turismo, storia e mito si fondono "Sulle orme di Federico II"

Lo scopo è fare conoscere il patrimonio storico-architettonico lasciato dall’Imperatore

Si è svolta questa mattina la conferenza stampa di presentazione della terza edizione dell’iniziativa “Sulle orme di Federico II”. A inaugurare la nuova edizione il presidente dell’Ars e della fondazione Federico II, Giovanni Ardizzone; il vicepresidente dell’Ars, Giuseppe Lupo; il direttore generale della fondazione Federico II, Francesco Forgione e l’assessore Regionale al Turismo, Anthony Barbagallo. Erano presenti anche i rappresentanti dei comuni coinvolti nell’iniziativa, tra assessori, vicesindaci e sindaci dei ventidue siti coinvolti e rappresentativi del percorso culturale federiciano. Questo nuovo appuntamento si pone come obiettivo quello di far conoscere il patrimonio storico-architettonico lasciato dall’Imperatore; luoghi spesso poco conosciuti di un regno la cui produzione artistica e legislativa rese possibile l’incontro, a corte, tra la cultura greca, latina, araba ed ebraica. Un affascinante viaggio in Sicilia alla ricerca delle tracce che ci ha lasciato Federico II non può che intrecciare storia, mito e leggenda.

“Da alcuni anni ormai si è messo in moto il percorso federiciano – ha spiegato il presidente della Fondazione Federico II, Giovanni Ardizzone – e constatiamo, quasi quotidianamente, come e quanto siano gli stessi comuni a chiedere di essere coinvolti laddove ci sono tracce del passaggio dell’imperatore Federico II. Questo è un esempio – continua Ardizzone - di come si possa e si debba fare rete con pochissimi investimenti. Ogni comune ha qualcosa da raccontare e sarebbe auspicabile costruire un percorso comune su ogni spunto di promozione culturale e turistica”.

E a sottolineare come questo percorso culturale possa e sia rientrato in una più ampia politica di promozione culturale/turistica è lo stesso assessore regionale al Turismo, Anthony Barbagallo: “Lo scorso anno abbiamo presentato questa iniziativa alla Bit di Milano e di Berlino e ci siamo resi conto di quanto interesse ci sia da parte degli stranieri ma anche più semplicemente del nord Italia. Aiutare il turista nella conoscenza e nella scoperta di siti archeologici, poco noti, è un obiettivo che questo assessorato si è da tempo prefissato”

Nel dettaglio, poi, il direttore generale della fondazione Federico II, Francesco Forgione: “Crediamo che la proposta culturale di una regione come la Sicilia debba cambiare e debba riuscire a diventare strutturata. I primi appuntamenti che rientrano nell’iniziativa e cadono tra la fine di novembre e i primi di dicembre sono rivolti alla comunità. Ci sarà una seconda fase con appuntamenti nel mese di dicembre e gennaio e una terza nel periodo primaverile. Al centro abbiamo messo i territori e la loro valorizzazione e siamo certi che facendo rete ci possa essere un sostanzioso ritorno di immagine e in termini di investimento nei ventidue comuni coinvolti nell’iniziativa”.

Alla conferenza erano presenti i rappresentanti dei comuni aderenti all’iniziativa: il sindaco del comune di Lentini; il sindaco del comune di Scaletta Zanclea; l’assessore alla Cultura del comune di San CipiRrello; l’assessore alla Cultura del comune di Giuliana; il sindaco del comune di Patti; il sindaco del comune di Montalbano Elicona; il sindaco del comune di Monforte San Giorgio; l’assessore alla Cultura del comune di Cefalù; il vicesindaco del comune di Castelvetrano.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Turismo, storia e mito si fondono "Sulle orme di Federico II"

PalermoToday è in caricamento