Sabato, 13 Luglio 2024
Phishing

Cliente raggirato con un sms, ma il direttore di un ufficio postale del Palermitano sventa la truffa

Un correntista stava per effettuare un bonifico dopo che gli era stato detto che il versamento era necessario per rientrare in possesso del proprio conto, ma l'impiegato ha fiutato l'inganno ed è intervenuto

Il direttore di un ufficio postale del Palermitano ha sventato una truffa ai danni di un suo cliente architettata con l'ormai noto metodo del "phishing". Il cliente era stato allertato da uno strano sms ricevuto sullo smartphone che lo informava che il suo conto era stato bloccato e ha cliccato sul link riportato nel messaggio. A quel punto è stato reindirizzato in un sito dove ha inserito le proprie credenziali e i contatti personali. La truffa stava per andare in porto se non fosse stato per il direttore dell'ufficio postale, di cui per sicurezza non vengono forniti nome e sede di riferimento.

"Mi trovavo allo sportello - racconta - e la persona in questione si era presentata in ufficio postale per effettuare un bonifico dal proprio conto. Mentre compilava il modulo, il cliente era al telefono con qualcuno. I due si scambiavano informazioni sull'operazione, dettaglio che mi fece destare i primi sospetti. Inoltre - precisa - la causale del versamento era poco chiara". L'impiegato pone dunque alcuni quesiti al cliente per capire a chi fosse destinata la cifra e approfondirne la motivazione. "Dopo avermi detto che all’altro capo della cornetta c’era un suo amico e aver fornito informazioni contrastanti, ho chiesto di chiudere la telefonata. In quel momento la persona allo sportello, peraltro giovane, ha cambiato versione e precisato che aveva ricevuto un sms e, dopo aver risposto, era stato contattato telefonicamente con la richiesta di inviare una somma a un numero di conto sconosciuto. Gli era stato precisato in particolare che si trattava di un versamento necessario per rientrare in possesso del proprio account personale. A quel punto ho subito fermato l’operazione e convinto il cliente a desistere dal bonifico, informandolo che quella a cui stava dando seguito era una truffa ai suoi danni". 

Poste Italiane, impegnata da tempo nel promuovere la cultura della sicurezza e della prevenzione dai fenomeni di microcriminalità, raccomanda poche e semplici regole per evitare di incorrere in truffe ed effettuare acquisti in sicurezza. "I truffatori - fanno sapere da Poste Italiane - non possono fare nulla senza il vostro aiuto pertanto la prima cosa alla quale prestare la massima attenzione sono i falsi operatori di call center di Poste Italiane o di Postepay perché Poste Italiane non chiede mai in nessuna modalità (e-mail, sms, chat di social network, ufficio postale e prevenzione frodi), le credenziali di accesso, i codici di sicurezza, i pin di carte di credito né chiede mai di installare app come strumento per la sicurezza". 

Come evitare truffe, le raccomandazioni di Poste

Ecco i consigli di Poste Italiane per evitare di incorrere in truffe: 

  • rivolgersi sempre agli operatori postali in caso di dubbio;
  • non rispondere mai a e-mail, sms, chiamate o chat da call center in cui ti vengono chiesti i tuoi codici personali (utenza, password, codici di sicurezza, dati delle carte di pagamento);
  • controlla sempre l’attendibilità di una e-mail prima di aprirla: verifica che il mittente sia realmente chi dice di essere e non qualcuno che si finge qualcun altro (ad esempio controlla come è scritto l'indirizzo e-mail da cui ti è arrivata);
  • non scaricare gli allegati delle e-mail sospette prima di aver verificato che il mittente sia noto o ufficiale;
  • non cliccare sul link contenuto nelle e-mail sospette; se per errore dovesse accadere, non autenticarti sul sito falso, chiudi subito il web browser;
  • segnala a Poste Italiane eventuali e-mail di phishing inoltrandole all’indirizzo antiphishing@posteitaliane.it. Immediatamente dopo cestinale e cancellale anche dal cestino;
  • digita direttamente l’indirizzo internet https://www.poste.it/ nella barra degli indirizzi del web browser per visitare il sito di Poste Italiane;
  • utilizza l’app per usufruire anche del servizio gratuito di "push notification" ed essere informato in tempo reale sulle operazioni di pagamento effettuate con il tuo conto corrente e le tue carte di pagamento. In alternativa attiva il servizio di notifica tramite sms sul tuo telefono cellulare, gratuito per i pagamenti su siti internet e su app.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cliente raggirato con un sms, ma il direttore di un ufficio postale del Palermitano sventa la truffa
PalermoToday è in caricamento