Cronaca

Con la truffa dello specchietto si fa dare 100 euro, ma i residenti lo fanno arrestare

La vittima è un anziano. In manette a Bolognetta un uomo di 33 anni. I carabinieri sono riusciti a inchiodarlo anche grazie alle immagini dell'impianto di videosorveglianza

Giuseppe D'Amico

Si era avvicinato all'auto di un anziano, per poi colpirla con dei sassi e fingere un incidente. Insomma, la classica truffa dello specchietto. Il raggiro - messo in atto da un uomo di 33 anni - è finito però con le manette. E' successo ieri a Bolognetta. In azione i carabinieri del nucleo operativo e radiomobile di Misilmeri - in collaborazione con i colleghi della stazione locale - che hanno tratto in arresto Giuseppe D'Amico, di Avola, con l’accusa di truffa.

L'uomo, dopo avere colpito l'auto dell'anziano con dei sassi, aveva fatto credere alla vittima che gli era stata rigata la fiancata della macchina. D’Amico si era fatto così consegnare cento euro a titolo risarcitorio. "Grazie alla segnalazione di alcuni cittadini - dicono i carabinieri - e all’impianto di videosorveglianza presente nel comune di Bolognetta, i militari sono riusciti a ricostruire tutta la dinamica ed a trarre in arresto il 33enne".

Si tratta di un volto noto alle forze dell'ordine. L'uomo è stato portato nelle camere di sicurezza della stazione di Misilmeri in attesa del rito direttissimo fissato per oggi, così come disposto dal giudice di Termini Imerese. Portato in tribunale, dopo l’arresto è stato disposto l’obbligo di firma.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Con la truffa dello specchietto si fa dare 100 euro, ma i residenti lo fanno arrestare

PalermoToday è in caricamento