rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Cronaca Castelbuono

Truffa malata di Alzheimer e le svuota il conto: arrestato

A finire in manette un 67enne che aveva preso di mira un'anziana che viveva da sola a Castelbuono: si era "incaricato" arbitrariamente di gestire i suoi beni. Vittima "costretta" anche a vendere un appezzamento di terreno

Arrestato con l'accusa di circonvenzione di incapace. Si era "fiondato" sulla vita di un'anziana malata di Alzheimer, e a poco a poco le aveva svuotato il conto, nel giro di neanche due anni. Adesso però Domenico Cilluffo, 67enne di Castelbuono, è stato arrestato dai carabinieri della compagnia di Cefalù. Dalle indagini scrupolose sono emersi i contorni del raggiro. La vittima ha 90 anni: l'uomo aveva messo nel mirino la signora approfittando del fatto che era era rimasta ormai senza parenti.

"Cilluffo, una volta entrato in contatto con la donna, si presentava in casa quasi quotidianamente - spiegano i carabinieri - inducendo l’anziana, allettata e incapace di provvedere ai propri bisogni, perché affetta dal morbo di Alzheimer, a gestire i beni mobili ed immobili di cui disponeva. L’uomo che, non vanta alcun rapporto di parentela o di altra natura, si era addirittura fatto firmare una delega per gestire in modo disgiunto il conto corrente intestato all’anziana e si rivolgeva alla badante romena della signora, come presunto datore di lavoro chiedendo anche a quest’ultima, il versamento periodico, non dovuto, di somme di denaro in ragione del pagamento dei contributi lavorativi".

Dalle risultanze investigative è emerso che Cilluffo avesse ormai condizionato il volere della donna “costringendola” perfino a vendere un appezzamento di terreno a Pollina. Dopo avere siglato la compravendita e fatto versare il denaro pattuito sul conto corrente, Cilluffo, in poco meno di due anni, avrebbe interamente prelevato la somma dal conto della 90enne. "Spesso l'uomo si rivolgeva con fare minaccioso, nei confronti della badante, sfruttando così la vulnerabilità di entrambe le donne", raccontano i carabinieri. Per questo il 67enne è accusato dei reati di circonvenzione di persona incapace ed estorsione. È stato così arrestato e sottoposto ai domiciliari.

I militari hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione della misura cautelare dei domiciliari emessa dal Gip del Tribunale di Termini Imerese, su richiesta di quella Procura della Repubblica e sulla base delle risultanze investigative acquisite dai carabinieri della stazione di Castelbuono.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffa malata di Alzheimer e le svuota il conto: arrestato

PalermoToday è in caricamento